Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Suardi Di Trescore, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti
Heraldische Spur die Familie: Suardi Di Trescore
Krone des Adels Suardi Di Trescore
I conti Suardi di Trescore discendono dal conte Teutaldo (1330). Hanno palazzo in Trescore ed a Bergamo in via Pignolo. Due lapidi sulla facciata, ricordano le visite dei Sovrani d'Italia. Il 23 sett. 1712, vennero iscritti nel Libro d'Oro di Venezia, col titolo di conte: Suardo, Stefano, Giuseppe e Lodovico quondam Gianforte. Il conte Gianforte, figlio di Giuseppe I, entrò nel consiglio di Bergamo nel 1755. Gianforte IV, figlio di Giuseppe II, ottenne la conferma della nobiltà il 24 nov. 1820 ed è iscritto nell'El. 1828 e 1840, col titolo di conte che compete a tutti i discendenti. Uguale conferma,... Fortsetzung folgt
coll'iscrizione nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiana, ottenne Gianforte V il 26 giugno 1916. Da Gianforte III, consigliere di Bergamo nel 1755, è nato Giuseppe II; da questi e dalla contessa Benedetta Vertova è nato il 12 maggio 1799, Gianforte IV; da Gianforte IV e dalla nobile contessa Giulia Roncalli è nato il 6 marzo 1832, Giuseppe III che dalla contessa Antonietta Lupi, ebbe in Begamo il 19 giugno 1854 Gianforte V. Questi , nel 1882, sposò Eugenia nobile Busca Arconati Visconti dei marchesi di Lomagna e dei patrizi milanesi che morì il 21 marzo 1883. Il 14 febbraio 1884, sposò Antonia Ponti figlia del fu cav. marchese Andrea Ponti e sorella del fu senatore marchese Ettore Ponti già sindaco di Milano. Da questo matrimonio sono nati: Guidino a Milano il 15 novembre 1885; Gian Ruggero a Bergamo l'11 agosto 1888; Andreina a Roma il 20 maggio 1897. Il conte Gianforte fu dottore in giurisprudenza, cavaliere di Gran Croce, decorato del Gran Cordone della Corona d'Italia, grande ufficiale dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro, cavaliere d'Onore e Devozione del Sov. Militare Ordine di Malta. Fu due volte sindaco di Bergamo, 1884-1889; pro-sindaco, 1906-1908; deputato al Parlamento, 1890-1919, per i collegi di Bergamo, Lovere e Trescore; sotto-segretario all'Agricoltura nel ministero Rudini, 1896-1898; membro e presidente di molte commissioni parlamentari, e senatore del Regno dal 19 ottobre 1919. Quale presidente del Consiglio di Amministrazione dedicò molte cure al teatro Donizetti che venne rifatto ed ebbe alla fine una degna facciata, alla sistemazione della Fiera, alle case Popolari, all'Accademia Carrara ed all'Arci-Confraternita dei Bergamaschi in Roma. Moalia, commendatore dell'Ordine della Stella d'Italia, grande ufficiale del merito Civile di Bulgaria, di Leopoldo II del Belgio e del Nilo, commendatore della Corona di Quercia del Lussemburgo e di S. Carlo di Monaco Principato, cavaliere ufficiale della Legion d'Onore ecc.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Suardi Di Trescore

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Suardi Di Trescore

Familien-Wappen Suardi di trescore

1 Blasonierung die Familie Suardi di trescore

Troncato: sopra d'oro all'aquila coronata di nero; sotto di rosso al leone coronato d'oro. Cimiero: Un leone d'oro coronato.

Blasone della famiglia SUardi di Trescore o Secchi Suardi di Trescore. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol VI.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook