Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Benincasa, país de origen: Italia

Nobleza: Baroni - Conti - Nobili - Patrizi
Rastro heráldico de la familia: Benincasa
Corona de la nobleza Benincasa Fra gl'antichi Baroni del Regno si ha ritrovato in Messina la famiglia B. e chi desia godere de' suoi felici progressi legga coloro, che delle famiglie, e guerre di Sicilia, e d'Italia hanno scritto. Pierleone B. fù Secretario maggiore dell'Imperator Federico II. Eustachio fù uno de' suoi figli, che fiorì fra' Cavalieri Theutonici in servigio dell'istesso Imperatore; perloche acquistò la Baronia di Caravaci, che consiste in due feudi agregati allo Stato di Butera; questi fu impiegato dalla medesma Imperial Corona con Angelo B. suo fratello, col Gran Maestro de' predetti Cavalieri, e l'Arcivescovo di Messina insieme per la pace, che seguì fra l'Imperatore, e'l Pontefice Gregorio IX. Gio: Corrado fù pure figlio di Pierleone, il quale hebbe dall'Imperator Corrado il carico di Secretario, e dal Rè Manfredo di Consigliero; nè nacque d'Eustachio, Federico, che successe ne' medesmi feudi, ed à lui suo figlio Martino, che militando con carico di... ContinuaráCapitano della Cavallaria Messinesa contra Francesi nel 1282, morì valorosamente combattendo nella battaglia, che seguì vicino il convento di S. Gregorio: suo figlio Eustachio servì parimente col medesmo ufficio, e di mare, e di terra al Rè Federico II, la onde, fra l'altre remunerationi, hebbe di poter porre nelle sue arme un Leone fra due bande oblique: si signalò egli non puoco nella battaglia navale, che seguì vicino Capo d'Orlando fra il medesmo Rè, e il Rè don Giaime d'Aragona, e Rubberto Duca di Calauria. Questi, con Rainera Calafato sua moglie nobile Messinesa, e della stirpe della Beata Eustachia, procreò Ruggiero, Pierleone, ed Anselmo. Pierleone passò in Napoli Coppiero della Regina Giovanna, ove si casò con Leonora Baldassini nobile donzella Napolitana, fondando nobilmente la sua famiglia, la quale fra le persone illustri partorì la serva di Dio suor Orsola B. de' Chierici regolari, della cui santa vita il P. don Franc. Maria Maggis Theatino n'ha composto un grosso volume: ella per alcune sue lettere si mostra parente de' B.di Messina. Anselfmo reuscì chiarissimo Filosofe, e leggendo molt'anni in Bologna, prese per moglie Leonora Cahobij, figlia di Pierluiggi nobile di quella Città, e furono progenitori del Conte di Catraxo B. , e di molt'altri cavalieri il predetto Anselmo. Altro ramo. Antica e nobile famiglia originaria di Firenze le cui arme sono annotate nella raccolta Ceramelli Papiani presso l'archivio di stato di Firenze. Arme del casato. D'azzurro, al montone saliente d'argento, accompagnato da due stelle a otto punte d'oro poste nei due cantoni del capo. Altra famiglia di Firenze alzò per arme: D'azzurro, a due arnesi da tintore contenuti nel vagello e sormontati da una stella a sei punte, il tutto d'oro. Nel 1820 il cognome e lo stemma furono aggiunti dai Mannucci («Mannucci Benincasa») (cfr. fasc. 2964). Nei Libri d'oro lo stemma si trova sotto il cognome «Goggi Marcovaldi». Altro ramo. Antica e nobile famiglia di Orvieto. Pietro Antonio B. , ultimo della famiglia, nel 1677 lasciò erede Giuseppe Cocconi di Montepulciano, il quale unì stemma e cognome. Suo figlio Lelio Cocconi Benincasa fu ammesso alla nobiltà di Montepulciano nel 1762. Arme del casato. D'argento, alla fascia doppiomerlata scorciata d'oro. Altro ramo. Antica e nobile famiglia di Pescia che alzò per arme: Di..., al destrocherio di... vestito di..., tenente un giglio di.... Questo stemma si trova anche partito con quello della famiglia Scotti (cfr. fasc. 7659); tuttavia nell'esemplare del 1513 presente nel fascicolo (Andrea Benincasa e Rocco Scoti) è presente un sinistrocherio tenente un giglio fustato. Altro ramo. Antica e nobile famiglia di Pisa che alzò per arme: D'azzurro, alla stella a otto punte d'oro.
Comprar un documento heráldico de Benincasa

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Benincasa

Escudo de la familia Benincasa

1 Blasòn de la familia Benincasa

D’azzurro, al castello a tre torri d’oro, ciascuna sormontata da una stella dello stesso, poggiato sopra tre burelle ondate d’argento, poste nella punta, e sormontato nel capo dalla banda del secondo, caricata dal leone di rosso, impugnante nella destra un ramo di alloro di verde.

Fonte: "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912).

Escudo de la familia Benincasa

2 Blasòn de la familia Benincasa

D'azzurro, al montone saliente d'argento, accompagnato da due stelle a otto punte d'oro poste nei due cantoni del capo.

Benincasa di Firenze. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.556.

Escudo de la familia Benincasa

3 Blasòn de la familia Benincasa

D'azzurro, a due arnesi da tintore contenuti nel vagello e sormontati da una stella a sei punte, il tutto d'oro.

Benincasa di Firenze. Nel 1820 il cognome e lo stemma furono aggiunti dai Mannucci («Mannucci Benincasa») (cfr. fasc. 2964). Nei Libri d'oro lo stemma si trova sotto il cognome «Goggi Marcovaldi». Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.557.

Escudo de la familia Benincasa

4 Blasòn de la familia Benincasa

D'argento, alla fascia doppiomerlata scorciata d'oro.

Benincasa di Montepulciano e Orvieto. Famiglia di Orvieto; Pietro Antonio Benincasa, ultimo della famiglia, nel 1677 lasciò erede Giuseppe Cocconi di Montepulciano, il quale unì stemma e cognome. Suo figlio Lelio Cocconi Benincasa fu ammesso alla nobiltà di Montepulciano nel 1762. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.5112.

Escudo de la familia Benincasa

5 Blasòn de la familia Benincasa

Di..., al destrocherio di... vestito di..., tenente un giglio di....

Benincasa Pescia. Questo stemma si trova anche partito con quello della famiglia Scotti (cfr. fasc. 7659); tuttavia nell'esemplare del 1513 presente nel fascicolo (Andrea Benincasa e Rocco Scoti) è presente un sinistrocherio tenente un giglio fustato. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.7606.

Escudo de la familia Benincasa

6 Blasòn de la familia Benincasa

D'azzurro, alla stella a otto punte d'oro.

Benincasa Pisa. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.5113.

Escudo de la familia Benincasa

7 Blasòn de la familia Benincasa

Spaccato; al 1° d'oro, a quattro bisanti d'azzuro; al 2.° dello stesso, a tre stelle d'oro, colla fascia rossa attraversante sulla partizione.

Benincasa di Ravenna. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Benincasa

8 Blasòn de la familia Benincasa

Di rosso, alla banda d' oro.Cimiero: Una branca di leone d' argento tenente fra gli artigli un sasso d'oro.Motto: fortiter et prudenter.

Benincasa di Perugia. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook