Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Cenami, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Nobili
Rastro heráldico de la familia: Cenami
Corona de la nobleza Cenami I genealogisti lucchesi, Penitesi, Tucci e Baroni fanno originaria questa famiglia della Slesia, donde avrebbe seguito l'imperatore Ottone I nella sua discesa in Italia con Goffredo di Cenamo. Il primo documento d'archivio è una carta d'oblazione del 1135 di Cenamo di Pandolfo e di sua moglie Giulitta, offerenti alla cattedrale di S. Martino. Insigniti del titolo comitale palatino, nel 1195, da Filippo, duca di Toscana, figlio di Federico I imperatore, ottennero il 13 giugno dello stesso anno, il privilegio del toloneo dallo stesso duca, in Ranuccio e Gottifredo di Filippo. Furono in seguito magnati cittadini, perciò banditi all'avvento della fazione... Continuarápopolare dei Neri, nello Statuto del 1308, come appartenenti alla cerna potentium. Le vicende politiche e le ragioni del fiorente commercio della seta fecero trasferire rami di questa famiglia a Venezia e a Parigi, ove con onore contrassero nobili parentele coi De Danis, Fontenay, Pot, Malet de Graville, ecc. Furono in Francia signori di Luzarches e D'Ablon. In patria, Giusfredo ricoprì nel 1376 la carica di gonfaloniere, prima dignità della Repubblica, e Pietro nel 1430 promosse la congiura, che abbattè la signoria di Paolo Guinigi, rivestendo nella restaurata libertà lo stesso supremo ufficio di gonfaloniere, che insieme con quello di Anziano fu conferito ai membri della famiglia fino al termine del governo aristocratico. Uomini di stato e di guerra, ambasciatori e diplomatici, cavalieri di Malta e governatori di provincie, ecclesiastici, letterali e mecenati, i Cenami ebbero luogo cospicuo nella storia di Lucca dal Secolo. XI al XIX. I più noti sono: Pasquino, abate dei canonici lateranensi di S. Frediano, fondatore nel 1506 della cappella affrescata da Amico Aspartino; Francesco, uomo di lettere del secolo XVI, ch'ebbe relazione col Guicciardini, col Caro e con Bernardo Tasso; Lorenzo, che militò in Francia e nella guerra di Garfagnana contro gli Estensi, come maestro di campo e che fu ambasciatore per la Repubblica a Madrid nel 1621 e vicerè per tre anni della Calabria; Bernardino, che servì Carlo Emanuele III di Savoia nella guerra contro l'Austria, e meritò per il suo valore nella battaglia di Piacenza la commenda dell'Ordine mauriziano. Bartolomeo, suo figlio, fu grande scudiere di Elisa Bonaparte Baciocmilitari, nel governo dei Baciocchi e dei Borbone.
Comprar un documento heráldico de Cenami

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Cenami

Escudo de la familia Cenami

1 Blasòn de la familia Cenami

Di rosso al leone d'oro.

Cenami della Sicilia. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook