1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Búsqueda apellido

Origen del apellido Di Bartolomei, país de origen: Italia

Nobleza: Baroni - Nobili - Signori
Rastro heráldico de la familia: Di Bartolomei
Corona de la nobleza Di Bartolomei
La famiglia Di Bartolomei è assai antica e nobile, di origine anconetana. Un Bartolomeo, di Giambattista, si stabilì in Firenze nel 1376, e fu ascritto a quella cittadinanza. Un Battista e un Antonio furono attuari della Signoria e consoli dell'arte dei Giudici e Notari. Un Giovanni ebbe per due volte il priorato. Un Girolamo nel 1667 fu investito del marchesato di Monte Giovi. Altra famiglia omonima è iscritta alla nobiltà livornese con rescritto 24 settembre 1818 su proposta della Magistratura civica di quella città. Motto della famiglia: Spera in deo pugna pro patria Altro ramo. Famiglia di antica e nobile tradizione, originaria del Piemonte. Altra famiglia di antica e nobile tradizione, originaria di Vicenza. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane. Altro ramo. Trapiantato in Susa nel XII secolo. Enrico, celebre canonista e... Continuará
giureconsulto, autore della Somma dorata, creato Cardinale e Vescovo Ostiense da Urbano IV il 31 Mag. 1262. Altro ramo. Originaria di Pisa, e della stessa famiglia degli Alibrandi. Nicolosio fu amico del Petrarca. Nei ricordi dei tempi andati si leggono alcune varianti di questo cognome, dovute alle solite cause della pronunzia dialettale e dal modo di interpretare nella scritturazione i cognomi.
Comprar un documento heráldico de Di Bartolomei

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Di Bartolomei

Blasòn de la familia

Scaccato d'oro e di rosso
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook