Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Estensi, país de origen: Italia

Nobleza: Duchi
Variaciones apellido: Este
Rastro heráldico de la familia: Estensi
Variaciones apellido: Este
Corona de la nobleza Estensi
Illustre ed antichissima casa d'Italia che ebbe il nome da Este, terra del padovano, ove fu il suo dominio che si distese su Padova, Ferrara, Modena e Reggio. I primi nomi registrati dalla storia sono quelli di Oberto I nel 972 e Oberto II che fu lo stipite di Casa d'Este. I più illustri Estensi furono: Azzo V marchese d'Este, che rapì Marchesella degli Adelardi, capi di parte guelfa, e la dette in moglie a Obizzo suo padre. Per questo ratto entrarono in casa d'Este le immense possessioni che ebbe nel Ferrarese, nella Romagna, nella Marca d'Ancona e si accesero quelle guerre fra gli Estensi e i Torelli, che per circa due secoli desolarono quella parte d'Italia. Azzo VI marchese, detto Azzolino, fu podestà di Ferrara e di Padova nel 1199; ebbe perpetua guerra con Ezzelino il Monaco e Salinguerra Torelli, capi di parte ghibellina, e per due vittorie ottenute... Continuará
su loro, si fe' riconoscere per signore di Ferrara e di Verona. Obizzo II fu eletto signore di Modena nel 1288, e di Reggio nel 1290. Rinaldo, Obizzo III e Nicolò I furono signori di Rovigo, di Modena e di Parma. Nicolò II rese celebre pel suo amore alle lettere e alle arti la corte di Ferrara. Borso, figlio naturale di Obizzo III, ebbe per primo il titolo di duca di Ferrara, Modena e Reggio, e promosse nei suoi stati l'arte della stampa ancora nascente. Alfonso I, duca di Ferrara e di Modena, ebbe in moglie Lucrezia Borgia; perfezionò l'arte di fondere i cannoni, ed accolse nella sua corte il poeta Ariosto. Cesare I dovette cedere al Papa Clemente VIII il ducato di Ferrara, rimanendo soltanto duca di Modena; da lui cominciò a volgere in basso la casa d'Este la quale più non potè ricuperare Ferrara. D'ora in poi gli Estensi crebbero in lustro e in possanza nella città di Modena. Francesco I acquistò dalla Spagna il principato di Correggio, e diede cominciamento al palazzo ducale di Modena sui disegni dell'Avanzini. Rinaldo, figlio secondogenito di Francesco I, perdette i suoi stati nel 1703 per opera della Francia, ma li ricuperò nel 1736. Ercole III fu l'ultimo duca Estense di Modena, ed in lui si estinse il ramo italiano di questa casa, i di cui domini passarono a quella d'Austria.

Comprar un documento heráldico de Estensi

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Estensi
Variaciones apellido: Este

Escudo de la familia Estensi

1 Blasòn de la familia Estensi

D'azzurro, all'aquila d'argento, imbeccata, membrata e coronata di rosso.

Estensi o Este di Ferrara e Modena, fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I p. 379, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Estensi

2 Blasòn de la familia Estensi

Inquartato; nel 1° nel 4° dell'Impero, o d'oro, all'aquila dell'impero; nel 2° e 3° d'azzurro, a tre gigli d' oro, con la bordura inchiavata d' oro e di rosso, per Ferrara antica: l'inquartatura divisa da un palo di rosso, caricato di due chiavi pontificie, una d'oro e l'altra d'argento, legate d'azzurro e poste in croce di S. Andrea, sormontate da una tiara d' oro; sul tutto d'azzurro, all'aquila spiegata d' argento, imbeccata, membrata e coronata d' oro.

Estensi o Este di Ferrara e Modena, fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I p. 379, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook