Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Perrotti, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili - Signori - Baroni - Patrizi - Marchesi
Rastro heráldico de la familia: Perrotti
Corona de la nobleza Perrotti Antica ed assai nobile famiglia, originaria di Ripa Canina, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia e del Mondo. Tal famiglia venne ascritta, nel 1624, alla nobiltà di Benevento, nella persona del marchese Giovanni-Antonio. Il ramo originario si estinse verso la metà del XIX secolo con Nicola, il quale avendo tolto in moglie Gaetana Parisio, e non avendo prole, adottava nel 1838 per suo figlio legittimo e naturale Salvatore Parisio che fu l'erede del nome, dei titoli e delle sostanze della famiglia. Altro ramo. Nobile famiglia messinese, nota sin dal XIII secolo, detta Perrotta o Perrotti, la quale risulta fregiata del titolo di signore di Mezzacisterna del Milioto. Angelo fu giudice della corte straticoziale in Messina negli anni 1489/90; Salvatore fu investito del feudo di Mezzacisterna del Milioto il 20 maggio 1806; Giuseppe, capitano del "9° Reggimento Fanteria di Linea Puglia" ed il fratello Federico, capitano del "10°... ContinuaráReggimento Fanteria di Linea Abruzzo", hanno partecipato alla difesa del Regno delle Due Sicilie nella campagna del 1860, contro i piemontesi che invasero il Regno, capitolando poi a Capua nel novembre dello stesso anno. Il Crollalanza nel tomo "Dizionario Storico Blasonico delle famiglie Nobili Italiane" edizione 1886, volume II, attribuisce al casato anche i titoli di patrizio di Messina e Barone di Ranieri. Altra famiglia. Antichissima e nobile famiglia di Sassoferrato, detta Perotti o Perrotti, della quale si hanno notizie sin dal 1080. Ma la genealogia ininterrotta e documentata risale a Francesco, vivente nel 1400. Fu, questi, illustre personaggio, che per i suoi meriti fu dall'imperatore Federico III, creato conte dell'Isola Centipera, titolo trasmissibile ai discendenti legittimi e naturali d'ambo i sessi per continuata linea mascolina. Papa Niccolò V gli dette, con Breve del 16 maggio 1449, il titolo di conte palatino, ereditario fino alla terza generazione. Il 21 giugno 1545 fu aggregato con tutta la discendenza alla Nobiltà di Arcevia. Andrea fu capitano sotto il cardinale Albornoz. E' gloria di questa famiglia Niccolò, di Francesco. Nacque egli nel 1430 a Sassoferrato, fu studiosissimo e dotto filologo, ottimo grecista. L'imperatore Federico II lo incoronò dell'alloro del poeta; fu professore alla Università di Bologna; ebbe onorifici incarichi da Niccolò V e Callisto IV; Pio II lo creò arcivescovo di Manfredonia; fu governatore di Spoleto, di Perugia e Viterbo; nel 1475 egli, con i nipoti Pirro e Giovanni e discendenza, fu aggregato alla Nobiltà di Perugia. Fu sua madre una donna della nobilissima famiglia Lanci, patrizia di Fano, e per questo fu aggregato al patriziato di questa città. Le sue opere citate fra i monumenti più vetusti della tipografia sono: "Rudimenta grammatices" e "Cornucopia sive commentaria linguae latinae" del 1489. Fu segretario del cardinale Bessarione. Morì nel 1490. Saverio, celebre capitano. Pirro nel 1477 circa sposò Gualdrada, ultima discendente della nobilissima famiglia Degli Atti, signora di Sassoferrato. Giustina de Levio P., poetessa petrarchista del secolo XVI, che con bellissimi versi incitò il papa a tornare da Avignone a Roma. Giovanni P., cavaliere e Luogotenente dell'arcivescovo di Manfredonia, sopraddetto, nel 1477 fu castellano della Rocca di Fano. Torquato cameriere segreto di Urbano VIII e vescovo di Amelia. Pierantonio, capitano nelle Fiandre con Alessandro Farnese. E molti e molti altri che qui sarebbe troppo luogo nominare.
Comprar un documento heráldico de Perrotti

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Perrotti

Escudo de la familia Perrotti

1 Blasòn de la familia Perrotti

D'oro, ad otto pere fogliate di due pezzi di verde in due pali, col gambo in alto. Motto: Olim Meminisse Juvabit.

Blasone della famiglia Perrotti del Meridione d'Italia. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Perotti

2 Blasòn de la familia Perotti

Inquartato: nel 1° e 4° d'azzurro, all'aquila di nero armata d'oro, i quarti affrontanti; nel 2° e 3° di rosso, alla scala a pioli d'oro in banda e al leone d'argento in atto di salire sulla scala. Cimiero: l'aquila tenente nel rostro un nastro d'argento caricato delle lettere A.E.I.O.U. di nero.

Perrotti o Perotti di Lazio e Piemonte. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol V.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook