1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido Sanuto

Apellido: Sanuto

Dossier: 17518
Nobleza: Nobili - Conti - Duchi
Nobles en: Italia (Veneto)
Variaciones: Sanudo
Vista previa heráldica y genealógica de la familia: en: Italiano

Vista previa heráldica y genealógica de la familia: Sanuto

Variaciones: Sanudo
Corona de la nobleza SanutoI Sanuto o Sanudo, anticamente denominati Candiani, furono dei primi fondatori di Venezia, e discendono da Tommaso Candiano Sanudo, senatore padovano, che fuggendo le stragi di Attila, cercò nel 421 un asilo nelle lagune venete. I suoi discendenti abitarono prima in Eraclea, indi a Malamocco, governando quelle popolazioni come tribuni. Si vuole che il primo doge di Venezia Paolo-Lucio Anafesto, eletto nel 697, appartenesse a questa famiglia. Marco Sanuto, che fu capitano da mare nel 1100, si rese padrone di alcune isole, fu eletto Duca del mare Egeo e creato Re di Candia, indi investito con tutti i suoi discendenti delle isole di Nasso, Pario, Milo, Marine ed Andri. Ebbe questa famiglia cinque dogi successivi di padre in figlio, e di fratelli in fratelli, e molti Patriarchi, Vescovi, capitani, Procuratori di S. Marco ecc. Fu confermata nell'avita nobiltà con sovrana risoluzione 18 Dic. 1817. La famiglia alzò per arme: ...

Continuará

Escudo de la familia: Sanuto

Escudo de la familia Sanudo

1 Blasòn de la familia Sanudo

Blasone della famiglia Sanudo o Sanuto dal Veneto. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

D'argento, alla banda d'azzurro.

Verba Volant, Scripta Manent
(Las palabras vuelan, lo escrito queda)
Compra ahora un Documento Heráldico Profesional

Ver los Pergaminos

No hay futuro sin pasado
Asegúrate de que tu apellido pase a la Historia
Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:
Email:

Búsqueda apellido


Heraldrys Institute of Rome on Facebook