EU Aviso cookies: Este sitio hace uso de cookies técnicos y estadísticos, incluyendo terceros cookies. Puede inhibir su uso mediante el ajuste de la configuración del navegador de cookies. Privacy. No, yo no acepto
Ok cierra la alerta
  1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Suardi, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Nobili
Variaciones apellido: Secco Suardo - Soardo
Rastro heráldico de la familia: Suardi
Variaciones apellido: Secco Suardo - Soardo
Corona de la nobleza Suardi La famiglia Suardi di Bergamo, grande fino dal Medio Evo "Magna Suardorum Domus", può narrare e dimostrare le origini e le vicende luminose della sua nobiltà millenaria, non solo perchè possiede antichi e ben forniti archivi, ma anche perchè ha avuto la fortuna meritata di trovare nel sec. XVIII due ben degni storici, cioè il canonico Mario Lupo, il più insigne storico bergamasco, autore del Codice Diplomatico della Chiesa di Bergamo, ed il conte Giuseppe Ercole Mozzi, lo "Scrutator Antiquitatum", maestro delle ricerche archivistiche, particolarmente di quelle genealogiche. Il Lupo ha compilato un'opera in tre volumi, intitolata "Genealogia della famiglia S. di Bergamo". E' rimasta inedita; una copia fedele si conserva nella Biblioteca Civica di Bergamo. Contiene alberi genealogici coi relativi documenti che illustrano la prima origine della famiglia e quella di cinque diramazioni; poi tutta la discendenza dei Leonini estinta nei conti Marenzi verso la metà del secolo scorso.... Continuará
Il Mozzi ha pure compilato ed illustrato con documenti la genealogia S. in un volume che si conserva nell'archivio del conte Dino Secco ed, in copia, in quello del conte Guidino Suardi. Ma già nel 1612, l'insigne tipografo bergamasco Comin Ventura, pubblicò un'operetta intitolata: De geneologia illustrillimae Suardorum familiae, del canonico Pietro Bonoreno-Corbella; questi fece tesoro di quanto aveva già pubblicato Francesco Sansovino nell'opera: Della origine et de fatti delle famiglie illustre d'Italia nel 1582, Venezia, Salicato, pagina 306 e seguenti. Più tardi, il padre Donato Calvi, nel Campidoglio de' Guerrieri, Milano, Vigone, 1668, pag. 1-15, dava notizia de' condottieri di casa Suardi, e nella Scena letteraria, Bergamo, Rossi, 1654, illustrava alcuni letterati della stessa famiglia. I Suardi sono sempre ricordati in tutti i documenti che riguardano la storia di Bergamo e quasi in ogni pagina delle Cronache bergamasche; la storia loro si può dire di Bergamo. Il Diario di Castello Castelli dall'anno 1378 al 1407, pubblicato con prefazione e note e documenti dal can. Giovanni Finazzi, Bergamo, Colombo, 1870, è una miniera di notizie per la famiglia Suardi. Nel 1853 il sac. Giovanni Suardi pubblicò alcuni "Cenni intorno ai personaggi più distinti delle chiarissime famiglie Suardia forma più classica da un Pietro detto Suardo (1031-1078), figlio di Lazzaro, giudice del Sacro Palazzo (976-1011), e abbiatico di Lanfranco, pure giudice, il quale professava "natione mea lege vivere longobardorum".

Comprar un documento heráldico de Suardi

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Suardi
Variaciones apellido: Secco Suardo - Soardo

Escudo de la familia Suardi

1 Blasòn de la familia Suardi

Di rosso al leone di oro con le zampe anteriore e posteriore destre di argento.

Suardi, Suardo e Secco Suardo da Lombardia e Lazio. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol VI.

Escudo de la familia Soardi

2 Blasòn de la familia Soardi

Troncato: nel primo d'oro all'aquila coronata di nero; nel secondo di rosso al leone troncato d'oro e d'argento.

Suardi o Soardi dalla Lombardia. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol VI.

Escudo de la familia Suardi

3 Blasòn de la familia Suardi

Spaccato; nel 1° d'oro, all'aquila coronata di nero; nel 2° di rosso, al leone d' argento.

Blasone della famiglia consolare Suardi da Rimini. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook