1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Benamati

Cognome: Benamati

Dossier: 366
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia
Anteprima araldica della famiglia: in: Italiano

Anteprima araldica della famiglia: Benamati

Corona nobiliare BenamatiDue rami di questa famiglia si trapiantarono in diverso tempo da Cantiano a Gubbio. Una di queste si trasferì a Gubbio negli albori del XV secolo con Valerio che nel 1537 era quarto console nel bimestre di luglio e agosto; un Polidoro fu dotto giureconsulto del XVI secolo; Fabio fu tesoriere generale di Odoardo II duca di Parma, Marcantonio e Guidobalbo furono poeti e letterati che fiorirono con grande fortuna nelle corti di Parma e Urbino; Carlo fu valoroso capitano nel 1640. Questo primo ramo si estinse verso la fine del XVII secolo. Nel 1725 la famiglia fu aggregata al patriziato eugobino; Roberto di Fabrizio fu gonfaloniere nel 1757. La famiglia è iscritta nel libro d'oro con i titoli di nobile di Gubbio e di Montalto (mf.) in persona di Filippo. Lo stemma della famiglia Benamati dell'Umbria è: D'azzurro, a due braccia e mani di carnagione in atto di ...

Continua

Stemma della famiglia: Benamati

Stemma  della famiglia Benamati

1 Blasone della famiglia Benamati

Benamati di Gubbio. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.III, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

D'azzurro, a due braccia e mani di carnagione in atto di aprire le mascelle di un cinghiale al naturale, cinto di una fascia d' argento, accompagnato in capo da una stella d' oro.

Stemma  della famiglia Benamati

2 Blasone della famiglia Benamati

Benamati di Pesaro. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.III, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

D'argento, a due braccia nude di carnagione, moventi dai fianchi, od afferranti le mascelle di una testa di pesce cane rossiccia, movente dalla punta.

Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Vai al Catalogo

Non vi è futuro senza passato
Consegna alla memoria storica il nome della tua famiglia
Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:
Email:
tel. +39 393 2258835 (orario 10-18)

Ricerca Cognome


Heraldrys Institute of Rome on Facebook