1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Caracristi

Cognome: Caracristi

Dossier: 878899
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili - Cavalieri
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Caracristi

Acquista

Corona nobiliare CaracristiAntica famiglia, di chiara e provata virtù, originaria di Montebaranzone (MO), propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Tal casato venne, sin dal XII secolo, fu uno dei preminenti della sua terra, distinguendosi sempre per gli importanti uffici che ricevette dai vari signori di Montebaranzone, venendo innalzato alla nobiltà, probabilmente, sotto il governo dei Pio, in cambio dei molti servigi ricevuti, specialmente in campo diplomatico. Inoltre, la famiglia Caracristi, come rilevasi da documenti ed atti notarili, sin dai tempi più remoti, diede luce a personaggi di elevate virtù, tra i quali, ricordiamo: Don Carlo, canonico e dottor di Teologia, consigliere privato di Matilde di Canossa, vivente nel 1110; Alberto, dottore in "utroque jure", vivente nel 1421; Ser Antonio Dalbare Caracristi, podestà di Prignano, nel 1488; D. Luigi, canonico e Pronotario Apostolico, vivente nel 1511; Cav. Saverio, che tanto si distinse nella battaglia di Zara, ossia quando, nel 1571, ...
Continua

Blasone Caracristi

Stemma della famiglia Caracristi

Stemma della famiglia

D'azzurro, al gallo ardito al naturale, coronato di nero, terrazzato di verde, e accompagnato in capo da tre stelle d'oro.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Affida la storia del nome della tua famiglia ai professionisti dell'araldica

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook