1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Delpunta

Cognome: Delpunta

Dossier: 821195
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Delpunta

Acquista

Corona nobiliare DelpuntaCome discendente da Giovanni Maria, di Giuseppe, che fu dei priori di Pisa nel 1638, Paolo Alessandro, del dottor Giuseppe, fu ascritto per giustizia alla nobiltà pisana con rescritto granducale del 6 giugno 1817. Molte sono le famiglie nobili Toscane, ma la istessa famiglia di cui menzione ne faremmo così come tramanda il Crollalanza, nel suo "Prontuario nobiliare, stampato in Pisa presso la direzione del Giornale araldico", Rocca S. Casciano Tipografia di Cappelli, nel 1867 - 77". La penuria delle scritture in quegli antichi secoli ci priva di quelle curiosità più nobili, che si possono desiderare, e particolarmente circa l'origine delle famiglie, le quali in gran numero trattando dell'antiche, di cui non v'è memoria, si vederebbero riconoscere un medesimo principio, dal proprio territorio dove vi erano molti Castelli, e Terre murate, le quali toccarono senz'alcun dubbio in parte a figli di chi dominava tutto, o in parte, e venute ...
Continua

Blasone Delpunta

Stemma della famiglia Delpunta

Stemma della famiglia

Di rosso a due pali partiti, quello a destra d'oro e d'azzurro, quello a sinistra d'azzurro e d'oro; alla banda d'azzurro ed alla sbarra di rosso in croce di S. Andrea attraversanti sul tutto.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Non vi è futuro senza passato
Consegna alla memoria storica il nome della tua famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook