1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Ricerca Cognome

Origine del cognome Denticedi, provenienza: Italia

Nobiltà: Duchi - Nobili - Patrizi
Traccia araldica della famiglia: Denticedi
Corona nobiliare Denticedi
Presume discendere da un Giovanni Denti di Ravenna, luogotenente imperiale in Italia nel 724 e signore di Balugolo, in quel di Padova. Secondo il Villabianca (Sicilia Nobile vol. II pag. 111) fu portata in Messina nel 1248 da un Alberto. Un Simone nobile di Messina, come marito di Giovanna d'Abruzzo o Labruzzo, possedette il feudo Raneri 1340; un Giacomo fu dottore in leggi, giudice della Gran Corte del Regno 1399, conservatore del regno, ambasciatore di Sicilia presso la Santa Sede; un Andrea sotto i Martini possedette il feudo di Resuttano; un Roberto (figlio di Giovanni, figlio di Simone e di Giovanna Labruzzo) ottenne a 25 aprile 1442 investitura di Raneri; un Lucio, barone di Raneri fu giudice della Gran Corte del Regno nel 1643-44-45, presidente dello stesso Tribunale nel 1639 e fu primo barone di Castellazzo in sua famiglia; un Vincenzo Denti e Averna, del detto Lucio, fu barone di ...
... Continua
Compra un documento araldico sulla famiglia Denticedi

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Denticedi

Blasone della famiglia

D'argento alla fascia di rosso caricata di tre denti canini al naturale con la punta all'ins
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook