1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Dessanti

Cognome: Dessanti

Dossier: 821627
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili - Cavalieri - Conti
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Dessanti

Acquista

Corona nobiliare DessantiAntica famiglia, originaria di Carpi, giunta in Siena nel XVI secolo, ove fu ascritta all'Ordine dei Riformatori, ed il primo risieduto fu il dott. Niccolò, di Giovan Francesco, nell'anno 1547. Dopo di lui partecipò al governo di Siena, nel 1597, Gismondo, del capitano Leone. Giovan Battista, di Gismondo, fu buon matematico, cavaliere di S. Stefano; fu da Ferdinando I nominato provveditore dell'arsenale di Pisa e da lui fu disegnata la pianta del quartiere della Venezia in Livorno. Morì nel 1625. Niccolò, di Gismondo, militò in Germania sotto il maresciallo Piccolomini. Cirino, di Gismondo, fu abate cassinese e lettore di sacre scritture all'Università di Pisa. Leone, suo fratello, gesuita, fu lettore di filosofia e teologia in Pisa, maestro del duca di Parma e autore di poemi latini e opere di teologia. Motto della famiglia: Virtù non onori. Altro ramo. Deriva da un Teodoro, il quale, recatosi a guerreggiare in Inghilterra nel ...
Continua

Blasone Dessanti

Stemma della famiglia Dessanti

Stemma della famiglia

Partito: nel 1° scaccato d'oro e di verde; nel 2° di rosso, al monte di tre cime d'argento, uscente dalla partizione; il tutto abbassato sotto il capo dell'Impero.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook