1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Di Bona

Cognome: Di Bona

Dossier: 821845
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Baroni - Nobili
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Di Bona

Acquista

Corona nobiliare Di BonaUn Antonino Di Bona fu giudice della corte capitaniale di Palermo nel 1574-75; un Gaspare Di Bona tenne la carica di giudice della G. Corte del Regno negli anni 1609-10-11; un Filippo a 10 ottobre 1649 venne investito del feudo di Racalmaimone o Scunda; un Filippo fu investito a 31 gennaio 1775 del titolo di barone di Giardinello. Con Decreto Ministeriale 12 aprile 1901 il titolo di barone di Realmaimone (Recalmaimone) fu riconosciuto in persona di Giuseppe Emanuele, di Giuseppe, padre di Emanuele. Altro ramo. Famiglia di antica e nobile tradizione, originaria della Lombardia. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane. Altro ramo. Famiglia di antica e nobile tradizione, originaria della Liguria. Uscì da questa famiglia il famoso Giovanni Di Bona, creato Cardinale nel 1669. Che i membri della famiglia Di Bona siano ...
Continua

Blasone Di Bona

Stemma della famiglia Di Bona

Stemma della famiglia

D'argento, al tronco d'albero; nodrito nella punta dello scudo, reciso, con un solo ramo fogliato uscente a sinistra, il tronco sostenente un uccello rivoltato, il tutto al naturale.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook