1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Diesco

Cognome: Diesco

Dossier: 821957
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Duchi
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Diesco

Acquista

Corona nobiliare DiescoFamiglia nobile di Marsala al dir del Minutoli che le dà per ceppo Antonio Fici giurato, e sindaco nel 1495. Da documenti di famiglia intanto rileviamo derivare dalla nobilissima Fieschi di Genova corrottamente detta Fici. Il Mugnos la vuole passata in Sicilia per un Luigi Foschi o Fiesco nobile genovese a' servigi militari di re Federico II d'Aragona. Checchè ne sia di tutto ciò ella appare tra le più antiche della città di Marsala, ove à sempre occupato le più riguardevoli cariche. Fiorirono: un Antonino primo duca di Amalfi per concessione di re Filippo v 1710; un Mario di lui figlio investito 1744; un Francesco Antonio investito 1760, lo stesso anno governatore del Monte di Pietà di Palermo, molto encomiato dal Diblasi; altro Mario governatore di Modena 1790; ed un Giovanni padre del vivente duca di Amafi Luigi Fici e Sarzana. Vanta in noltre i cavalieri gerosolimitani frà Giuseppe 1719, ...
Continua

Blasone Diesco

Stemma della famiglia Diesco

Stemma della famiglia

Spaccato; nel primo d'argento, ad un Moro uscente, abbigliato d'oro, cinto dello stesso, colle braccia stese, sostenente colla mano destra una civetta al naturale, sormontata da tre stelle maleordinate d'oro; nel secondo di rosso, a due fascie d'argento.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Affida la storia del nome della tua famiglia ai professionisti dell'araldica

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook