1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Ricerca Cognome

Origine del cognome Dilodi, provenienza: Italia

Nobiltà: Marchesi - Nobili - Patrizi
Traccia araldica della famiglia: Dilodi
Corona nobiliare Dilodi Illustre ed antica famiglia, di origine ligure. Con decreto presidenziale del 20 agosto 1912, fu riconosciuta la nobiltà a Pietro Gaetano e ai suoi discendenti. Motto della famiglia: Post fata resurgo. Altro ramo. Tre sono i rami dei Dilodi che fiorirono in Milano. Il primo, il cui sepolcro si ammira tuttora in Sant'Eustorgio, e che ebbe un membro del Tribunale di provvisione finì nella casa Porro, ora detta Porro-Dilodi; il secondo diede un fisico collegiato ed un canonico ordinario; il terzo, ed il più illustre, diede un giureconsulto collegiato e vicario di provvisione, un cavaliere di S. Stefano, ed Emanuele celebre storico, e si estinse nel 1741. Altro ramo. Secondo il Bresciani la Famiglia Dilodi pare che abbia incominciato ad esistere in Cremona circa l'anno 995 da Ottolingo, Barone Fiammingo al seguito dell'Imperatore Ottone III. Altri sono di parere, e con più fondamento che provenga da Lodi, quando i Milanesi... Continuanel 1158 distrussero intieramente quella Città, e gli abitanti per la massima parte furono costretti di rifugiarsi altrove. Di queste famiglie, da Dilodi, che in molte città d'Italia si trovano sparse, ne parla il citato Crescenzi nella Parte I pp. 585-586, onde non è improbabile la suddetta opinione. Comunque sia, il primo che trovo in un Codice antico d'una Società formatasi in Cremona nel 1270 composta da n. 7821 individui coi loro rispettivi nomi, e cognomi, e vicinanze dove abitavano Capo della quale era Corrado Montemagno, e Cancelliere certo Favazolo Favazzo, trovo dissi, un Andreolo, Gonfaloniere, e un Olderico, Console di Porta Pertusio, e poscia nei nostri Annali vedesi Andrea Alfiere della Legione scelta di detta Porta, difensore della Patria morto nel 1278. Seguono a questi: Albertino, Giureconsulto, spedito nel 1320 Ambasciatore a Parma per ossequiare l'Imperatore Carlo IV, Guglielmo nel 1440 iscritto al civico decurionato, Gabriele nel 1468, Giorgio nel 1470, Gio. nel 1490, Melchiorre nel 1507, Giuseppe, che nel 1514 coprì per due anni con somma lode la carica di Podestà in Bologna, Filiberio nel 1516. Oratore per la Patria in Milano, e promosso da Filippo II alla dignità di Questore delle Regie Entrate, Giacomo nel 1517, Gio. Battista nel 1578, e Pietro Antonio nel 1615.
Compra un documento araldico sulla famiglia Dilodi

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Dilodi

Blasone della famiglia

D'azzurro al monte al naturale, sostenente una fenice d'argento sulla sua immortalit
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook