1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Ricerca Cognome

Origine del cognome Divetta, provenienza: Italia

Nobiltà: Baroni
Traccia araldica della famiglia: Divetta
Corona nobiliare Divetta Di origine greca, venne in Italia nel 1306 al seguito del principe Teodoro Paleologo, cui era devoluto il Monferrato. Pietro, insigne medico, fu onorato della carica di archiatro della corte del principe Teodoro; carica che dopo la morte di Pietro passò di padre in figlio nei suoi discendenti. Pietrino nel 1589 fu investito da Vincenzo duca di Mantova di una parte di giurisdizione, castello e beni feudali di Solonghello in feudo nobile. Bartolomeo, celebre giureconsulto, nel 1624 inviato oratore in Spagna dal Duca di Mantova; Giovanni-Antonio alfiere e gentilumo di bocca del Duca Ferdinando-Carlo nel 1664; Michelangelo professore di teologia nell'Università di Padova nel 1653; Carlo-Felice professore di metafisica nell'Università di Bologna nel 1661; Giorgio eletto maire della città di Casale dall'Imperat. Napoleone I, il quale lo fregiò del titolo di cavaliere dell'Ordine della Riunione, e poco dopo lo creò barone dell'Impero col predicato di Limna. Il di lui figlio,... Continua
alla morte del padre, ne rifiutò l'eredità, la quale andò a beneficio del ricovero di mendicità di Casale, e morì improle.

Compra un documento araldico sulla famiglia Divetta

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Divetta

Blasone della famiglia

Trinciato e tagliato di verde e d'oro alla mazzola di nero manicata al naturale sul tutto.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook