1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Droppi

Cognome: Droppi

Dossier: 823095
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Droppi

Acquista

Corona nobiliare DroppiEbbe questa famiglia fino dal 1200 giurisdizione in Corio, in Rocca e Barbania, di cui fu investita nel 1316. Guglielmo Dro, castellano di Grassino nel 1326. Amedeo fu canonico teologo della Metropolitana di Torino, e nel 1429 fondò la collegiata dei canonici di Courgné. Varie famiglie omonime si propagarono in diverse regioni d'Italia. Le notizie bibliografiche che ci vengono tramandate sono riconducibili a questa casata di cui ne abbiamo tratto nota. Ebbe notai, consiglieri e sindaci in patria e fu maggioreggiante in un con quella dei Vinea, Felisi, Chiavomero, Argonetti e Bonadona. Guglielmo nel 1568 fu investito di Bruino. Fu costume delle più antiche famiglie, le quali dopo la caduta del Romano Imperio, in quella inondatione de' Barbari, havendo i loro cognomi, sicome gli studi, e altre cose belle smarrito e restati solo con semplici nomi, trarre di nuovo i loro cognomi, e il loro casato da' nomi proprii ...
Continua

Blasone Droppi

Stemma della famiglia Droppi

Stemma della famiglia

D'azzurro, a quatto bande alternate da nove rose, poste 1, 2, 3, 2 e 1; il tutto d'argento.

Acquista

Tutti i contenuti di questa pagina sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook