1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Duppini

Cognome: Duppini

Dossier: 823232
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Duppini

Acquista

Corona nobiliare DuppiniAntica famiglia bolognese, di chiara ed avita nobiltà, la cui blasonatura è riportata nell'opera "Blasone bolognese, cioè Arme gentilizie di famiglie bolognesi, nobili, cittadinesche e aggregate", pubblicata a Bologna tra il 1791 e il 1795, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. L'origine di tal cognominizzazione, al dir di illustri genealogisti, andrebbe ricercata, tramite un ipocoristico, nel nome medioevale "Cuppus", appartenuto, probabilmente, ad un, oggi ignoto, capostipite. In ogni modo, tal casato, in ogni epoca, sempre riuscì a distinguersi, grazie agli elevati personaggi, a cui diede i natali. Tra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: Matteo, dottore in "utroque jure", vivente in Bologna, nel 1534; Luigi, dottore in Sacra Teologia, autore di numerosi saggi, vivente in Reggio Emilia, nel 1568; Arrigo, dei Chierici Regolari, stimato e coperto di onori, da Guglielmo, duca di Mantova; Gio. Maria, notaio bolognese, ivi vivente nel 1592; D. Marco Valerio, ...
Continua

Blasone Duppini

Stemma della famiglia Duppini

Stemma della famiglia

Di rosso, a 3 coppe d'oro; col capo dello stesso, caricato di un'aquila spiegata di nero, coronata d'oro.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook