1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Dusatti

Cognome: Dusatti

Dossier: 823300
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Dusatti

Acquista

Corona nobiliare DusattiLa famiglia, originaria di Laterina, fu ammessa nel 1646 alla cittadinanza fiorentina in persona di ser Ippolito, di Giulio. Pier Francesco, di ser Ippolito, fece parte del Consiglio dei Duecento e Matteo, di Pier Francesco, fu il primo chiamato ed investito della famiglia nell'ordine di S. Stefano, nel 1672. I membri furono ascritti alla nobiltà di Arezzo con rescritto del 6 gennaio 1837. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per ...
Continua

Blasone Dusatti

Stemma della famiglia Dusatti

Stemma della famiglia

D'azzurro alla pianta di grano di tre spighe sulla campagna di verde accompagnata nel cantone destro da tre stelle di otto raggi male ordinate e in quello sinistro da un sole raggiante, il tutto d'oro.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Ogni cognome ha una storia che merita di esser raccontata
Rendi immortale quella della tua famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook