1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Egoti

Cognome: Egoti

Dossier: 823479
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Egoti

Acquista

Corona nobiliare EgotiConsultando vari scrittori, dicono che questa famiglia sia originaria di Toscana, così come attesta lo storico Giuliani Tiribelli nella suo " Sommario storico delle famiglie celebri Toscane, riveduto dal Cavaliere Luigi Passerini", edito in Firenze nel 1862. Dimorava la famiglia in Siena. Oriundi di Sarteano e di Orvieto, risieduti nel magistrato senese dal 1673. Paolo capitano d'infanteria in soccorso di Malta nel 1565. Che i membri della famiglia siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti come il Dizionario Storico-Blasonico del commendatore G.B. di Crollalanza che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia. Tali sono i principii, che da sopracitati Autori si diedero a questa famiglia, ma per esser questo ...
Continua

Blasone Egoti

Stemma della famiglia Egoti

Stemma della famiglia

D'azzurro alla banda merlata e contromerlata di oro, accompagnata da due crescenti del medesimo posti uno nel capo l'altro nella punta.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook