1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Hijar

Cognome: Hijar

Dossier: 16030
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia


Anteprima araldica della famiglia :
Hijar

Acquista

Corona nobiliare HijarFamiglia catalana un cui ramo si trasferì a Cagliari nel secolo XVI. Discendeva da Pietro di Ixar figlio naturale di re Giacomo d'Aragona. Per il matrimonio di un Gerolamo con Anna Fabra ereditarono l'ufficio di procuratore reale ed assunsero anche il cognome Fabra. Della famiglia non si ebbero più notizie dalla prima metà del secolo XVII e l'ufficio fu ereditato per matrimonio dai Castelvì. Trà le più antiche, e illustri famiglie che dalla Francia, e dalla Spagna che fiorirono in tempo de Regi Francesi della Carolea, e delle case reali Spagnole, Aragona, Castiglia e altre, visse con splendore questa famiglia, d'onde ella poi sotto auspici militari, è governi passò in italia, e nelle varie regioni, Regioni opulenti di tutte l'humane grandezze. Ne è nota l'origine della famiglia e questo induce a supposizioni che offrano la possibilità di promuovere richerche da cui trarre notizie attendibili. Passarono nei secoli trascorsi con vari ...
Continua

Blasone Hijar

Stemma della famiglia Hijar

1 Stemma della famiglia Hijar

Inquartato: al primo e quarto quattro pali di rosso in campo d'oro (arma reale d'Aragona); al secondo e terzo una catena d'oro in campo rosso (arma reale di Navarra).

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook