Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Mazzei, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi - Nobili - Patrizi
Traccia araldica della famiglia: Mazzei
Corona nobiliare Mazzei La famiglia Mazzei ebbe per capostipite non un Arrigo, di Mazzeo, ambasciatore per il Comune di Firenze nel 1348 a Roma, come fu asserito da alcuni, ma bensì un Mazzeo di Ghigo originario di Carmignano, dove essa aveva possedimenti, e dimorante in Prato nel 1356. Da lui nacque Ser Lapo nel 1350, il quale alla perizia delle leggi unì una buona coltura letteraria e una grande onestà di costumi. Egli fu notaro della Signoria nel 1383 e andò in ambasceria a Venezia nel 1386 e a Genova nel 1389. Interessantissime per il contenuto e per la forma sono le sue molte lettere, pubblicate da Cesare Guasti, dirette a Francesco Datini, il celebre e ricchissimo mercante pratese, che egli esortava di continuo a vivere santamente e che persuase alla fondazione del Ceppo di Prato, opera pia che tutt'ora sussiste con grande beneficio dei poveri. Bruno, figlio di ser Lapo, fu valente... Continua
orafo ed eseguì, fra l'altro, le graticole della Cappella della Cintola nel Duomo di Prato. Divenuti cittadini fiorentini, questa famiglia conseguì undici volte il priorato, incominciando nel 1404 da Leonardo ascritto all'arte dei Corazzini e terminando con Raffaello Mazzei nel 1510; ebbero 15 Gonfalonieri di Compagnia, sei Capitani di Parte Guelfa; furono in più tempi incaricati di dieci ambascerie e tennero ripetutamente gli altri pubblici uffici della città. Durante il Principato, furono chiamati due volte alla dignità senatoria e Francesco Maria, cavaliere di Malta, fu Ammiraglio di questo Ordine. Un ramo di questa famiglia si trapiantò in Francia ove ottenne vari feudi; Simone signore di Lavò fu ambasciatore di Enrico III a Colonia e maggiordomo della regina Margherita moglie di Enrico IV. Quelli di Firenze si divisero in due famiglie che ebbero per capostipiti Giovanni e Mazzeo di Zanobi; famiglie che si suddivisero alla loro volta nei rami qui sotto indicati. Mazzero Mazzei, di Giovanni, fuoruscito dopo la caduta della repubblica fiorentina, fu da Paolo III creato tesoriere pontificio, cavaliere lauretano e conte palatino. Giovanni, di Mazzero, suo figlio fu professore all'Università di Macerata. Passato in Francia presso i parenti che là erano emigrati, fu vicario del Duca d'Anjou nel gran priorato di Francia e, riammesso per suo intervento in Firenze, ebbe vari incarichi politici. Che i membri della famiglia Mazzei siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti come il Dizionario Storico-Blasonico del commendatore G.B. di Crollalanza che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia.

Compra un documento araldico su Mazzei

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Mazzei

Stemma  della famiglia Mazzei

1 Blasone della famiglia Mazzei

D'azzurro, al destrocherio vestito di ferro, tenente una mazza d'armi. Motto. HONOR VIRTUTIS PRAEMIUM.

Mazzei di Sicilia fregiati del titolo Marchionale. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Mazzei

2 Blasone della famiglia Mazzei

D'argento, alla banda di rosso caricata di tre mazze d'arme del campo (o d'oro), poste nel senso della pezza.

Mazzei di Prato e Firenze, il Sepoltuario Rosselli afferma, a proposito della sepoltura di Lapo Mazzei in S.Marco, che nell'arme antica c'erano tre martelli o mazze da botte. Ser Lapo di Mazzeo di Prato fu notaio della Signoria fiorentina nel 1383; la famiglia è infatti originaria di Prato. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc.3105.

Stemma  della famiglia Mazzei

3 Blasone della famiglia Mazzei

Di..., al destrocherio di..., tenente tre mazze d'arme impugnate di..., e accompagnato da tre stelle a otto punte di..., ordinate in capo, e da due steli spigati decussati di..., in punta.

Mazzei di Pescia. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 7642.

Stemma  della famiglia Mazzei

4 Blasone della famiglia Mazzei

Troncato merlato d'azzurro e d'oro.

Mazzei di Pistoia. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 7447.

Stemma  della famiglia Mazzei del Drago

5 Blasone della famiglia Mazzei del Drago

D'argento, al destrocherio (o sinistrocherio) di carnagione, vestito di verde, impugnante in palo una mazza d'arme (o clava) al naturale.

Mazzei del Drago di Firenze. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 3106.

Stemma  della famiglia Mazzei

6 Blasone della famiglia Mazzei

D'azzurro, al guerriero armato al naturale, le mani ed il volto di carnagione, impugnante colla destra un bastone di nero in atto di percuotere un leone d' oro affrontato ad un albero di verde fustato d'oro, sormontato nel capo da una stella dello stesso, e terrazzato al naturale. Motto. HONOR VIRTUTIS PRAEMIUM.

Mazzei di Sicilia fregiati del titolo Marchionale. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Mazzei

7 Blasone della famiglia Mazzei

D'azzurro, al monte d'argento, sormontato da un leone dello stesso tenente una mazza. Motto. HONOR VIRTUTIS PRAEMIUM.

Mazzei di Sicilia fregiati del titolo Marchionale. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook