EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Patrizietti, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi - Nobili - Patrizi
Traccia araldica della famiglia: Patrizietti
Corona nobiliare Patrizietti I Patrizietti sono antichissimi nobili senesi, ed un B. Francesco, dell'Ordine dei Servi di Maria, ed un Guido Giordano Patrizietti, viventi nel 1354, resero chiaro questo cognome sin da quell'epoca remota. Dagli spogli del cavaliere Jacovacci, rileviamo che nel 1426 viveva in Roma Maria, moglie di Paolo Patrizietti, del rione di Campo Marzio; ma soltanto nel 1537 i Patrizietti presero stabile dimora nella città eterna, in persona di "Dominus Archangelus Patritii de Senis". Egli fu avvocato concistoriale, come suo figlio Costanzo, che nel 1564 appare col titolo di "Nobilis Dominus", mentre nel 1568 "Patritius de Patritiis" è detto "Magnificus Dominus". Costui morì nel 1611 e fu sepolto in Santa Maria Maggiore nella Cappella fondata da Giovanni Patrizietti. Presso di lui riposa Costanzo, Tesoriere della Regia Camera Apostolica. I Patrizietti a Roma sono estinti, e soltanto si conservano i rami di Napoli, rappresentati dal Balì Luigi Patrizietti, duca di Castelgaragnone e... Continua

di Città di Castello, marchese di Rasina. Maria Virginia, figlia di Patrizio Patrizietti, marchese di Castel Giuliano e di Maria di Carpegna, sposò il 5 agosto 1726 Giovanni Chigi Montoro, figlio di Luigi e di Drusilla dei principi Santacroce, il quale prese il cognome Patrizi. Ma anche questa nuova famiglia, sostituita ai Patrizietti, doveva estinguersi in Porzia Patrizietti, già Chigi Montoro, che il 4 giugno 1750 sposò il marchese Tommaso Naro, fratello del cardinale Benedetto. Francesco, prese alla sua volta il cognome Patrizietti e lo trasmise ai suoi discendenti, nei quali è ereditaria la carica di Vessillifero di S. R. C. L'attuale rappresentante, porta i tre cognomi Patrizietti, Naro, Montoro, ed è marchese di Paganico, di Mompeo e di Castel Giuliano, con gli onori del baldacchino, patrizio romano coscritto, ecc. Alla famiglia Patrizietti, appartenne il cardinale Giovanni, creato nel 1715; ai Naro i cardinali Gregorio (1629) e Benedetto (morto nel 1832) ed ai Patrizietti, già Naro, il cardinale Costantino, creato nel 1836, vicario di S. S. e Gran Priore dell'Ordine di Malta (morto nel 1876). Motto della famiglia: Sola fides. Altro ramo. Famiglia, di chiara ed antica virtù, originaria di Città di Castello. Francesco, nel 1807, ebbe l'ascrizione alla nobiltà di detta città per sé ed i suoi discendenti e, nel 1816, il titolo di marchese di Rasina, con successione primogeniale mascolina. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Patrizietti

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Patrizietti

Blasone della famiglia

Fasciato di argento e di nero.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook