1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Piccati, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Baroni - Conti
Traccia araldica della famiglia: Piccati
Corona nobiliare Piccati
Antica ed assai illustre famiglia, detta Riccati o Piccati, oriunda dalla Manta (Saluzzo), propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Oddino era capitano del castello di Verzuolo e Girolamo era tesoriere del Marchesato di Saluzzo. Costui consegnò l'arma gentilizia il 13 maggio 1614. Stipite noto della presente famiglia è Giovanni, che morì agli inizi del secolo XVII. Di questa famiglia si formarono due linee, di cui la prima non ha titoli nobiliari e la seconda ha il titolo baronale. Giuseppe (nato Manta, 17 dicembre 1744, defunto 15 febbraio 1820), di Giovanni, che fu avvocato, intendente nell'uffizio del Controllo Generale delle Finanze (1779) e quindi intendente d'Asti (1791), fu infeudato di punti di Ceva e S. Michele il 12 ottobre 1791 ed investito il 19 ottobre 1793 col titolo baronale. Sposò costui (1772) Clara Maria, del cavaliere Francesco De Rossi di Tonengo, da cui ebbe numerosa prole, ottenendo (I°... Continua
aprile 1790) la immunità per dodici figli. Continuò la linea Vincenzo (nato a Torino, 11 febbraio 1790, defunto Manta, 21 febbraio 1862), il quale dalle sue nozze (1813) con Carolina Blengini ebbe, fra gli altri, Giacomo (nato Manta, 20 febbraio 1819, defunto Torino, 7 giugno 1887), che fu prefetto. Sposò in prime nozze (1860) Giuseppina, dell'avvocato Matteo Lanza, e da queste nozze nacque Carlo (nato Manta, 11 dicembre 1865), che fu riconosciuto nel titolo nobiliare con D. M. del 7 giugno 1900. Sposò (1896) Matilde Porrini, e sono suoi figli: Anna Maria (nata Manta, 17 aprile 1897) e Leone (nata Manta, 27 luglio 1808). Motto della famiglia: Inter spinas dulcedo. Altro ramo. Nobile famiglia di Treviso, donde passò ad Istrana, indi a Pieve di Soligo, e finalmente si stabilì in Castelfranco, poco dopo il 1300. Produsse uomini celebri per valor militare, per cariche e per dottrina, e fu fregiata del titolo comitale da Ranuccio II Farnese duca di Parma. Di questa famiglia non si hanno più notizie dal XVIII secolo. Che i membri della famiglia Piccati siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti, come il "Dizionario Storico-Blasonico", del commendatore G.B. di Crollalanza, che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia.

Compra un documento araldico su Piccati

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Piccati

Blasone della famiglia

D'argento, alla pianta di cardo (senza frutto) nodrita sulla pianura erbosa, il tutto al naturale. Cimiero: Un cardo come nello scudo.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook