1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Pizzi

Cognome: Pizzi

Dossier: 4107
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili - Marchesi
Nobili in: Italia
Variazioni Cognome: de Pizzis,Pizzis

Anteprima araldica della famiglia :
Pizzi
(de Pizzis,Pizzis)

Acquista

Corona nobiliare PizziAntica famiglia originaria di Parma, di chiara ed avita nobiltà, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Già sul calar del secolo XVII, risulta annoverata nei registri della Chiesa di S. Ulderico e negli archivi di famiglia dei marchesi Dalla Rosa Prati di Parma. Per benemerenze civili Francesco Farnese, con privilegio 18 novembre 1706, creò nobili il giureconsulto Francesco Maria de Pizzis, di Federico, e Girolamo, Ignazio, Federico, Giuseppe e Brocardo, della stessa famiglia, con i loro discendenti d'ambo i sessi. Da Antonio, di Francesco (1780), provengono due linee : quella di Agostino e quella di Francesco Saverio. Tra i molti, non possiamo non ricordare il prof. dott. Italo (+ 6 dicembre 1920), già professore nella R. Università di Torino, di lingue e letteratura orientali, il quale fu un orientalista e letterato valentissimo, che lasciò gran numero di opere scientifiche e letterarie e che fu insignito di alte ...
Continua

Blasone Pizzi
(de Pizzis,Pizzis)

Stemma della famiglia Pizzi

1 Stemma della famiglia Pizzi

D'azzurro alla fascia d'argento caricata di tre stelle d'oro poste in fascia.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook