EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Rastelletti, provenienza: Italia

Titolo: Baroni - Marchesi
Traccia araldica della famiglia: Rastelletti
Corona nobiliare Rastelletti
Ritroviamo la famiglia Castellet una delle più antiche, e nobili del Regno d'Aragona, e Principato di Catalogna, e fra i suoi huomini chiari è celebrato Beltran di Castellet, il quale nel 717 viveva nobilmente, e pugnò molt'anni contra i Barbari per cacciarli dall'occupata Spagna possedendo in quei tempi un Castello chiamato Castellet, essendo stato possesso da' suoi progenitori sotto il Rè Goto Atagulfo, ma egli, vedendosi la provintia tutta oppressa da Mori, si ritirò con molti cavalieri ne' monti Perinei, e nelle parte di Cerdagna, ove si fecero forti (come afferma Pietro Tomich) e dopò molte battaglie, e segnalate prodezze, vecchio col Principe Matatia nel 751 si morì, lasciando quattro figliuoli, che non poco illustrarono la sua famiglia. Auloger di Castellet fù il primo figlio, il quale s'impegò ne' serviggi dell'Imperator Carlo Magno nel 778: il quale haveva passato da Francia in Catalogna per la ricuperation della Spagna, e tolta... Continua
da poter de' Barbari Tarragona, la lasciò sotto la guardia d'Auloger; egli dunque con i suoi fratelli ampliarono assai nobile, e grande la famiglia in Catalogna, e però, sotto l'istesso Imperator Carlo, hebbero molti carichi, dignitadi, e Castelli. Chiarisce ciò Ripol scrittore d'autorità ne' suoi annali, e mentre fà la divisione di Catalogna fra le ricche famiglie, chiamate in quello Idioma (Riccos hombres) sotto il medesimo Imperatore. Il primo, che di lei venne in Sicilia col Rè d'Aragona, fu Gaston de Castellet, uno de' principali Baroni di quei tempi, ed hebbe per sua stanza. e governo la città di Ragusa, ove i suoi successori con splendore per molti centinara d'anni continuarono, lasciandovi, che vive fin hoggi, una contrada chiamata di Castellet, per esservi molti Palaggi antichi de' Signori di questa casa, e nel 1490 fù anche portata da don Pietro di Castellet nel Regno di Napoli, per cagion del matrimonio, ch'ei fece con donn'Anna figlia di don Luiggi Icart. Castellano del Castello nuovo di Napoli, parente, per la madre, della Regina di Navarra; ed ivi piantò assai nobile la predetta famiglia Castellet, la quale è ampiamente descritta da don Francesco Zazzara nella seconda parte delle sue famiglie d'Italia. Ritroviamo frà i Senatori Palermitani Nicolò C., che nell'anno 1443, insieme con Ubertino Imperatore, Giovannno quella Città.
Compra un documento araldico su Rastelletti

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Rastelletti

Blasone della famiglia

Inquartato; nel primo e quarto di rosso, al castello torricellato di tre torri merlate d'oro, ciascuna di tre pezzi; nel secondo e terzo d'azzurro, al grifo rampante d'argento.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook