EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Redele, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Traccia araldica della famiglia: Redele
Corona nobiliare Redele
Sua Eccellenza Pietro Redele nato a Minturno (Roma), il 15 aprile 1873, insigne storico, professore di Storia Moderna all'Università di Torino (1906), poi in quella di Roma (1914) ove tuttora tiene cattedra di Storia Medioevale, interventista fervente per la grande guerra contro l'Austria (1915-1918), deputato al Parlamento (1924), Ministro della Pubblica Istruzione dal 6 gennaio 1925 al 9 luglio 1928, Senatore del Regno dal 22 dicembre 1928, Ministro di Stato, Commissario di S.M. Vittorio Emanuele III alla Consulta Araldica del Regno, Presidente dell'Istituto Poligrafico dello Stato, dell'Istituto Storico Italiano, del Comitato Nazionale di Scienze Storiche, della R. Soc. Romana di Storia Patria; animatore delle ricerche archeologiche e degli Scavi di Ercolano, per il ricupero delle navi imperiali affondate nel lago di Nemi, strenuo difensore e conservatore delle opere d'arte italiane, costituì, agli ordini di Benito Mussolini, l'Accademia d'Italia e portò coi suoi studi laghi e sicuri contributi alla storia... Continua

medievale di Roma e d'Italia. Numerose ed importantissime sono le sue dotte pubblicazioni storiche per le quali rimandiamo il lettore a quanto è contenuto nella voce Redele nel Dizionario Enciclopedico edito dalla Unione Tipog. Ed. Torinese, pubblicato a cura di questo illustre storico. Insignito di alte onorificenze, fu decorato anche da Sua Santità il Pontefice Pio XI della Gran Croce dell'Ordine Piano, decorazione che comporta la nobiltà nella famiglia e trasmissibile ai discendenti d'ambo i sessi. In conseguenza S. M. Vittorio Emanuele III, Re d'Italia, con R. Decreto 21 luglio 1933 e RR. LL. PP. 5 marzo 1934, autorizzò il predetto Senatore Pietro ad usare il titolo di Nobile (mf.) e lo stemma sopra descritto. La famiglia è iscritta nel Libro d'Oro della Nob. Ital. e nell'Elenco Uff. Nob. Ital. del 1933, col titolo di Nobile (mf.), in virtù dei sopra citati Decreti, in persona di: Pietro, di Ferdinando. figlia: Giovanna. Motto della famiglia: Fortiter et fideliter.


Compra un documento araldico su Redele

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Redele

Blasone della famiglia

D'oro scaccato di nero.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook