1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Sassi Di Lavizzari

Cognome: Sassi Di Lavizzari

Dossier: 3580
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia


Anteprima araldica della famiglia :
Sassi Di Lavizzari

Acquista

Corona nobiliare Sassi Di LavizzariFamiglia oriunda da Sondrio in Valtellina detta Sassi de Lavezzari, Sassi di Lavizzari o, più semplicemente, Lavezzari, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Nell'anno 1675 Gio. Andrea era cancelliere di valle e nel 1713 ricoprì la stessa carica suo figlio Gio. Antonio. Un altro Gio. Antonio, figlio del predetto, fu capitano. Fu confermata nobile con Sovrana Risoluzione del 28 gennaio 1817 a favore di Gaspare e del suo congiunto Antonio. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di nobile (mf.), in persona di Ippolita, nata a Sondrio 14 maggio 1851, figlia di Andrea, di Gaspare e di Luigia Parravicini, del fu Pio, in Parabelli. Sorella: Amalia, nata a Sondrio I settembre 1852, in Bressan. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata ...
Continua

Blasone Sassi Di Lavizzari

Stemma della famiglia Sassi di Lavezzari

1 Stemma della famiglia Sassi di Lavezzari

D'azzurro a due lance decussate, accompagnate in capo da una stella, ed in punta da una pigna, il tutto d'oro.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Ogni cognome ha una storia che merita di esser raccontata
Rendi immortale quella della tua famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook