Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Spadafora, provenienza: Italia

Titolo: Duchi - Principi - Signori - Patrizi - Nobili
Variazioni cognome: Spadafora Branciforte - Spatafora
Traccia araldica della famiglia: Spadafora
Variazioni cognome: Spadafora Branciforte - Spatafora
Corona nobiliare Spadafora
Antica e nobile famiglia che si vuole originaria di Costantinopoli e che vanta a capostipite in Sicilia un Basilio, esarca per l'imperatore Isacco Comneno nel 1098. Un Giovanni fu segretario dell'imperatore Federico II, 1230; un Pietro Damiano fu primo barone di Roccella, 1250; un Ruggero, barone di Roccella, ebbe il 13 aprile 1344 concessione del castello di Maletto; un Matteo fu senatore di Messina nel 1358, un Rinaldo fratello di Ruggero, riacquistò nel 1385 la terra e castello di Maletto sposò: I) Granata Castagna per la quale possedette il feudo Cutò; II) Costanza Castellis che gli portò in dote... Continua

i feudi Michinesi e Caccione; un Berardo milite, ottenne il 12 ottobre 1356 concessione della terra di Cerami; un Federico milite capitano e castellano di Taormina, 1399, giustiziere del Val Demone, 1403, con privilegio 17 maggio 1399 ottenne concessione della gabella del biscotto, sego, sale e canape di Messina, con privilegio dato il 12 maggio 1409 ottenne dal doge Michele Steno e dal Senato di Venezia la iscrizione per sè e suoi al patriziato veneto; un Galeotto (o Guglielmotto) ebbe da re Martino, 1399, concessione del feudo Martini , feudo che il 25 giugno 1404 fu riconcesso a Tommaso Spadafora; un Antonio il 10 ottobre 1425 ebbe investitura di Michinesi e Caccione; un Corrado nel 1415, ebbe il feudo castello e tonnara di Solanto, fu barone di Venetico e di Mazzarrà 10 giugno 1447, fu maestro razionale del regno, pretore di Palermo, 1418-19, 1426-27-28. 1436-1437 e strategoto di Messina nel 1443, un Salvo o Salvatore, signore della gabella del biscotto di Messina, fu stratigò di Messina nel 1429 e nel 1431; un Anselmo possedette nel 1397 il feudo Cassaro, che trasmise alla figlia Regale, moglie e Paolo Moleti; un Luca fu barone di Feudarasi, feudo che trasmise al figlio Pino il quale fu investito il 28 settembre 1453 (il ramo investito di detto feudo si stabilì in Ciminna, dove lo troviamo ancora nel sec. XVIII con un Alonso, barone di Feudarasi per investitura del 5 novembre 1704); un Giovanni fu barone di Carcaci per investitura del 21 luglio 1453 e fu senatore di Messina nel 1457-58, un Federico, barone di Mazzarà e di Venetico per investitura 23 settembre 1457, acquistò 4 maggio 1459 la baronia di S. Martino e fu senatore di Messina nel 1441-42; un Antonio fu barone del biscotto, barone dei mezzigrani sulle tonnare di S. Giorgio e di S. Nicola.


Compra un documento araldico su Spadafora

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Spadafora
Variazioni cognome: Spadafora Branciforte - Spatafora

Stemma  della famiglia Spadafora

1 Blasone della famiglia Spadafora

Di rosso al braccio armato, tenente una spada posta in sbarra, il tutto al naturale. Cimiero: Due liocorni d'argento ritti e affrontati. Motto: PRODES IN BELLO.

Blasone della famiglia Spadafora, Spatafora o SPadafora Branciforte dalla Sicilia. Fonti: "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912); Teatro Genologico delle Famiglie Nobili Titolate Feudatarie ed Antiche Nobili del fidelissimo Regno di Sicilia viventi ed estinte" Libro III, del S.Don Fialdelfio Mugnos, Palermo 1647.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook