1. Home
  2. Pesquisa Sobrenome
  3. Resultado da pesquisa
  4. Origem do sobrenome Centeni

Sobrenome: Centeni

Dossier: 943
Nobreza: Patrizi
Nobres em: Italia (Toscana)
Pré-visualização heráldica e genealógica da família: em: Italiano

Pré-visualização heráldica e genealógica da família: Centeni

Coroa de nobreza CenteniFino dall'anno 1387 la famiglia godette del Priorato della città di Arezzo nella persona di Piero di Nicola, e anche suo figlio Cristoforo rivestì simile carica nel 1403. Dopo due secoli di partecipazione al Priorato, nel 1587 il magistrato dei Nove, con sentenza solenne dichiarava che la famiglia apparteneva a quelle che potevano ottenere il Gonfalonierato di giustizia, carica riservata solo alle più eminenti della città. E tale carica fu effettivamente ottenuta per la prima volta nel 1606, da Guasparri di Donato, e nel 1616 da Alessandro di Matteo e successivamente da vari loro discendenti, che conservarono un cospicuo patrimonio e lo splendore della famiglia. Con decreto 10 maggio 1756 la famiglia, divisa allora in due rami, fu ascritta al Patriziato aretino. a) Disc. di Giovan Battista e Niccola, di Tommaso, di Nicolò. b) Emrico di Francesco. Figli: Alfredo, Amelia, Eugenia, Carolina, Arturo. ...

Continua

Brasão da família: Centeni

Brasão da família Centeni

1 Brasão da família Centeni

Blasone della famigla Centeni dalla Toscana. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

D'azzurro alla fascia d'oro accompagnata da tre monti di sei cime dello stesso, posti due nel capo e uno in punta.

Verba Volant, Scripta Manent
(As palavras voam, os escritos ficam)
Compre agora um Documento Heráldico Profissional

Compre um Documento

Não existe futuro sem um passado
Até o seu sobrenome pode passar a História
Para mais informações ou dúvidas, por favor não hesite entre em contato conosco:
Email:

Pesquisa Sobrenome


Heraldrys Institute of Rome on Facebook