Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Didiano, país de origem: Italia

Nobreza: Duchi - Nobili
Heráldica da família: Didiano
Coroa de nobreza Didiano
Nobile ed illustre famiglia reggiana. Ferrante Didiano, nel 1519-1520, fu sindaco dei nobili; Camillo fu uno dei trentatré patrizi fondatori della Congregazione della SS. Annunziata di Reggio; Paolo fu Vescovo di Oppido Mamertino. Altro ramo. Famiglia di origine genovese, che possedette vari feudi, ed alcuni con titolo di conte, marchese e duca, e si estinse nella famiglia Pescara, la quale aggiunse al proprio il di lei cognome. Altra nobile famiglia dalla quale emersero tre arcivescovi di Napoli dal 1418 al 1450. Altra famiglia alzò per arma. D'azzurro, a quattro stelle di sei raggi d'oro, poste 2 e 2.La presenza del... Continua
motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per stimolo al coraggio o onore. Era scelta dal capo della famiglia, dal cavaliere entrante in lizza o data dal sovrano al proprio uomo ligio. Motto della famiglia: Bene docet.
Compre um documento heráldico sobre família Didiano

Escudo da família: Didiano

Brasão da família

Di rosso, all'albero di verde piantato sopra un monte di sei cime d'argento.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook