Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Castaldo, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Signori - Conti - Marchesi
Variazioni cognome: Costoldo
Araldica della famiglia: Castaldo
Variazioni cognome: Costoldo
Corona nobiliare Castaldo
Antica ed assai nobile famiglia italiana, secondo alcuni autori originaria della città di Cava de’ Tirreni, secondo altri di Ravello, ramificatasi poi in Tramonti, Nocera de’ Pagani, Cava de’ Tirreni e Castellammare. Città dove essa godette nobiltà. Lo storico nocerino Michele de Santi, così come il canonico Gennaro Senatore, basandosi sul significato del cognome stesso, essendo il gastaldo un funzionario della corte regia in epoca longobardo ed avendo la famiglia seguito il diritto longobardo per la proprietà dei beni sino al secolo decimo quinto, ritiene che la famiglia sia di origine longobarda, ponendo come capostipite del casato Dauferio Balbo, I°... Continua
conte di Nocera. In ogni modo, dal 1100 al 1200 i Castaldo, con il titolo di domini e militi, erano già presenti nel territorio nocerino, cavese e della costa amalfitana. In territorio nocerino, nel 1052, ebbero concessione da Teodora, principessa di Salerno, di un terreno sito in Roccapiemonte; in Cava, nel 1050 viveva un Giovanni Gastaldo, i cui figli Orso e Giovanni vi dimorano verso il 1100 assieme ad un Alfano Castaldo. Di Ravello uno dei figli più illustri di questo casato fu Francesco, dell'ordine benedettino, consacrato vescovo della sua stessa città, dal 1321 al 1362. Del ramo di Castellammare ricordiamo invece il milite Placido Castaldo, incaricato di provvedere alle spese occorrenti per la costruzione del Monastero di Realvalle. Girolamo Castaldo occupò la cattedra vescovile di Massa Lubrense, nel 1510, e, grazie al suo vescovado, fu posta la prima pietra per la nuova cattedrale, intitolata a S. Maria delle Grazie. Tra i personaggi che maggiormente hanno reso lustro al casato vi è certamente Giovan Battista Castaldo, o Giambattista (Nocera de' Pagani, 1493 ca. – Milano, 6 gennaio 1563), uno dei condottieri italiani più famosi del XVI sec. che, per le sue imprese, divenne primo Marchese di Cassano (investito dall'Imperatore Ferdinando I), primo Conte di Piadena (investito da Carlo V nel 1545), Signore di Binasco, Signore di Rezzana e Caldignaia, Signore di Nagyszeben (1552), Binanuova (e di molti altri beni e rendite). Giambattista Castaldo sposò la Nobile Mattea (o Maria) Stampa, figlia di Filippo, Patrizio Milanese, e di Cassandra Scotti, dalla quale ebbe Ferdinando (o Ferrante) e Maria Vittoria, destinata al chiostro, ma che preferì sposarsi con il patrizio Luigi Caracciolo. Altro ramo. Nobile famiglia di Trieste e Venezia detta Castaldo o Costoldo. Abbandonata, infatti, la città di Aitino, nel 456, si stabilì in Venezia con la prerogativa di tribuni antichi e fu aggregata al gran Consiglio. Altro ramo. Nobile famiglia originaria di Castano ed aderente al partito dei nobili. Da Ottone Visconte ebbe la nobiltà di Milano e fu ascritta all'ordine dei Capitani. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Compra un documento araldico su Castaldo

Stemma della famiglia: Castaldo
Variazioni cognome: Costoldo

Stemma  della famiglia Castaldo (Ravello)

1 Blasone della famiglia Castaldo (Ravello)

Fasciato ondato di argento e di azzurro.

citato in "Ravello e il suo patriziato" di Antonio Guerritore - Arnaldo Forni Editore

Stemma  della famiglia Castaldo (Napoli)

2 Blasone della famiglia Castaldo (Napoli)

Bandato ondato d'argento e d'azzurro.

Stemma  della famiglia Castaldo o Costoldo (Trieste, Venezia)

3 Blasone della famiglia Castaldo o Costoldo (Trieste, Venezia)

D'argento, alla fascia d'oro accompagnata da due gigli di rosso, uno in capo ed uno in punta.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 253, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Stemma  della famiglia Castaldo o Costoldo (Trieste, Venezia)

4 Blasone della famiglia Castaldo o Costoldo (Trieste, Venezia)

Inquartato; nel 1° e 4° di rosso; nel 2° e 3° d'azzurro; sul tutto altro inquartato; al 1° e 4° d'azzurro; al 2° e 3° di rosso.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 253, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook