Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Conte, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili - Baroni
Heráldica da família: Conte
Coroa de nobreza Conte
Antica ed assai notabile famiglia, annoverata tra le primarie casate milanesi, e la cui nobiltà è testimoniata dalla sua presenza nella pregevole opera "Dizionario Storico-Blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane, estinte e fiorenti", del commendator G.B. di Crollalanza. Nel 1099 si trova un Conte Cardinale, creato da Pasquale II; il Beato Nicolò appartenne all'Ordine dei Gesuiti; Ardiccione e Bartolomeo Vescovi, il primo di Modena e il secondo di Novara. Nel 1380, nove membri di questa casa si riscontrano ascritti al consiglio generale dei 900 nobili. Bernardo presidente della città di Torino; Tommaso e Ludovico appartennero al Consiglio dei LX,... Continua

e a quello dei dodici di provvisione. Rizzardo, capitano della caccia dello stato di Milano, poi castellano e governatore di Pavia e celebre guerriero. Altro ramo. Ritroviamo la famiglia Conte nobile nella città di Siracusa e, come leggiamo in un antico testo araldico, "ella venne da Pisa in Sicilia nel reggimento del re Federico terzo, sotto la guida di Raniero Conte cavalier Pisano della famiglia Duodi, il quale derivava da un altro Raniero Conte anche cavalier Pisano, che aveva servito la sua Repubblica nelle spesse guerre, contro i Genovesi e Lucchese; parimente in una potente armata, che fecero i Pisani contra i Genovesi nel 1280, nella quale v'intervennero molti cavalieri, ch'in quella giornata furono vinti da' Genovesi; perloche sdeganti delle tante guerre, c'haveva la loro Republica con quelle de' Genovesi, Fiorentini, e Lucchese, la maggior parte di loro se ne vennero in Sicilia, dove nobilmente si fondarono. Non ho potuto havere piena notitia della famiglia Conte della città di Siragusa, e de' suoi discendenti; solamente d'un Pietro Conte, il quale si casò in Leontini con Giovanna Pastorella, figlia del Baron di Cariato, ouer Cariosi, dal quale, si presume, c'habbia derivato fra Girolamo Conte cavalier Gerosolimitano ricevuto nel 1613, nel processo del quale chiaramente si fonderà la sua antica nobiltà. La famiglia Conte del Barone del Vulterano, ouer Goderano, hebbe origine da Savona città della Riviera di Genova, ed il primo che di lei venne fu Nicolò Conte, e si fermò nella città di Sacca, ove si casò con Leonora Inueges, con la quale procreò Pier Agostino. Questi, per recuperar alcuni effetti paterni, andò in Savona, e se nè ritornò nel 1500; suo aurato, e pendente sigillo sopra la descrittione, ch'erano due impronte d'armi, nella destra l'arme dell'università di Savona, e nella sinistra quelle della famiglia Conte, co i suoi campi, e colori, la quale fede così dice". I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compre um documento heráldico sobre família Conte

Escudo da família: Conte

Escudo da família Conte

1 Brasão da família Conte

Troncato d’oro e di rosso.

Escudo da família Conte

2 Brasão da família Conte

D'azzuro, al cavaliere armato di tutto punto, impugnante colla destra una lancia e colla sinistra uno scudo, cavalcante un cavallo al naturale cola gualdrappa di rosso seminata di ventuno leopardi d'oro; disposti 3 per 3, passante sopra una terrazza di verde. Cimiero: L'aquila uscente. .

Escudo da família Conte

3 Brasão da família Conte

D'azzurro allo scaglione accompagnato in capo da una cometa ondeggiante in sbarra e in punta da una ruota, il tutto d'oro.

Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook