Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Curcio Rubertini, provenienza: Italia

Titolo: Baroni
Variazioni cognome: Curcio
Araldica della famiglia: Curcio Rubertini
Variazioni cognome: Curcio
Corona nobiliare Curcio Rubertini
Numerose sono le fonti archivistiche che attestano le origini lontane e le tradizioni nobiliari di questa famiglia e dei suoi domini nel Regno di Napoli. Un ramo dei Curcio Rubertini si affermò in Polla (Salerno) già al tempo della Signoria della potente casa dei Sanseverino: dal 1467 al 1552 furono "familiari" dei principi di Salerno e subfeudatari di Polla. Ebbero case signorili e palazzo alla Trinità. Questa famiglia diede diversi uomini illustri, per lo più soldati e letterati. Don Gerardo Curcio Rubertini, detto Sciarpa, di Giacinto (1762-1825), fu altamente rimunerato in milizia e nobiltà; venne, infatti, elevato dal re Ferdinando ... Continua
IV di Borbone al grado di Colonnello e creato barone di Campigliano il 3 agosto 1799; nel decennio dell'occupazione francese il re Giuseppe Bonaparte lo nominò Tenente Colonnello ispettore dei "Cacciatori di montagna", un Corpo che il Curcio Rubertini aveva formato per la repressione del brigantaggio. Da sua moglie Teresa di Gloria ebbe quattro figli. Il primogenito, barone Antonio, Capitano della Guardia Nazionale, sposò l'ultima discendente dell'antico casato dei Domini Roberti o Rubertini, donna Luigia, nata da un figlio del dottor fisico Francesco Rubertini, del real sangue dei principi normanni, degli antichi conti di Montescaglioso e di Brienza e degli antichi Signori di Polla e di S. Antonio di Rustillano. I Domini Roberti sono annoverati quali Signori di Polla dall'anno 1187 all'anno 1230. Nel 1555 appare il cognome nella forma Robertino che rimane regolare sino alla metà del Settecento, quando incomincia a farsi strada la flessione plurale Robertini o Rubertini che poi prevarrà. I Domini Roberti o Rubertini ebbero in Polla un nobile palazzo, anzi, il "Palazzo" per antonomasia, detto "palazzo vecchio", tuttora esistente, diritto di cappellania (a. 1530) nella chiesa matrice ed oratorio privato, nella dimora predetta, per gli uffici religiosi della famiglia (a. 1770). Dai coniugi D. Antonio Curcio Rubertini e D. Luigia Rubertini, nacque, tra gli altri, il figlio Giuseppe (1821-1892). Sindaco di Polla in tempi difficilissimi, Giudice conciliatore e Consigliere comunale seppe meritarsi il plauso universale dimostrandosi "affettuoso, liberale, generoso, benevolo con tutti" nel disimpegno delle pubbliche ed onorifiche cariche. ... Continua
Compra un documento araldico su Curcio Rubertini

Stemma della famiglia: Curcio Rubertini
Variazioni cognome: Curcio

Stemma  della famiglia Curcio Rubertini

1 Blasone della famiglia Curcio Rubertini

Partito: nel primo di rosso alla banda arcuata d'argento sostenente una colomba rivolta tenente nel becco una rosa, accompagnata nella punta da un rosaio, il tutto al naturale; nel secondo d'azzurro alla banda arcuata d'argento accompagnata da tre rose d'oro ordinate nel capo e da una scimitarra, una mazza ed una lancia ordinate in palo in punta.

Stemma  della famiglia

2 Blasone della famiglia

Un griffo rampante nero in campo d'oro.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2015 - 2016 Heraldrys Institute of Rome