Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Dotta, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili - Cavalieri
Heráldica de la familia: Dotta
Corona de la nobleza Dotta Antica famiglia piemontese, di chiara ed avita virtù, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. L'origine di tal cognominizzazione, al dir di illustri genealogisti, andrebbe ricercata nell'agglutinazione di una forma matronimica in "D'" unite al nome germanico "Otto, Ottonis". In ogni modo, tal casato, verosimilmente, venne fregiato del cavalierato in seguito alla virtuosa e coraggiosa partecipazione di un Silvio Dotta, sotto i vessilli del "Conte Rosso", ovvero Amedeo VII, alla conquista, nel 1388, di uno sbocco al mare con Nizza, uno dei capisaldi del potere della Casa Savoia in Piemonte. Ma, d'altronde, tal casato, sempre, riuscì a... Continuará
distinguersi, grazie agli elevati personaggi, a cui diede i natali. Tra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: Raimondo, consigliere in Asti, vivente nel 1476; Ascanio, ingegnere camerale in Milano, nel 1494; Federico, maestro di campo, arruolato nell'esercito di Carlo III di Savoia; Cav. Alberto, dottore in "utroque jure", vivente in Cuneo, nel 1564; Giacomo Maria, soldato di ventura al servizio della Serenissima, vivente nel 1569; Cav. Alfonso, Regio Notaio, vivente in Torino, nel 1667; dott. Umberto, insigne medico, operativo presso varie corti, italiane ed europee, fiorente in Cuneo, nel 1723; Filippo Maria, chiaro giureconsulto e saggista, consigliere in Cuneo, vivente nel 1731; P. Gio. Battista, dell'Ordine dei Minori, uditore e preposito del proprio ordine, vivente in Napoli, nel 1763; Ernesto, consigliere in Cuneo, nel 1787; D. Gio. Battista, canonico, teologo e commissario apostolico, vivente in Cuneo, nel 1789; Pietro Paolo, consigliere della Università degli Studi del Piemonte, vivente nel 1792; Roberto, Segretario della Sotto-Prefettura di Cuneo, nel 1810; Edoardo, giudice in Cuneo, vivente nel 1835. Altro ramo. Nobile famiglia di Sansepolcro, detta Dotti o Dotta, un cui ramo passò a risiedere in Firenze, nel quartiere San Giovanni, al gonfalone Lion d'oro. Bernardo D. di Sansepolcro, infatti, ottenne la cittadinanza fiorentina nel 1644. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Comprar un documento heráldico de Dotta

Escudo de la familia: Dotta

Blasòn de la familia

Di rosso alla croce d'oro alla bordura d'azzurro caricata di otto gigli d'oro.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome