Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Guidi, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Conti - Marchesi
Araldica della famiglia: Guidi
Corona nobiliare Guidi
Celeberrimo casato di origine tedesca, il quale ebbe la signoria del Casentino e di parte della Romagna del secolo XI, i cui membri risultano fregiati dei titoli di: Conti di Modigliano di Pociano, di Urbecche, di Romena, di Montegranelli, di Raggianopoli e di Dovadola. La tradizione vuole che un Azzo, figlio di Antonio, dei Conti Guidi, dovette fuggire da Firenze perchè colpito da Bando dello stesso Comune, verso la fine del XIV secolo, stabilendosi in Gubbio. Suo figlio Giuliano può essere considerato il capostipite del Casato dei Conti Guidi di Romena e Montegranelli di Gubbio. La sua nobiltà venne confermata... Continua
dalla Magistratura Eugubina del 1468, e confermata dai Privilegi del Duca Guidobaldo da Montefeltro del 1504 e di Papa Giulio II nello stesso anno. Con la fine del XVIII secolo la residenza di campagna dei conti suddetti venne ceduta al Marchese Fonti Biscaccianti, altro membro di un nobile casato eugubino. Altro ramo. Nobilissimo casato di Volterra, il quale ha goduto nobiltà anche in Firenze, ove risiedette in Santo Spirito, nel Gonfalone Scala, la quale levò per arme. Inquartato decussato d'argento e di rosso. Alias. D'azzurro al leone inquartato in decusse d'argento e di rosso. Alias. Partito d'argento e di rosso, a due leoni affrontati dell'uno nell'altro. Alias. D'azzurro, al leone inquartato decussato d'argento e di rosso. Lo stemma del 4° tipo è dei Conti di Battifolle; con decreto del 1719, su istanza di Francesco Guidi, arcivescovo di Pisa, e di Camillo Guidi, ammiraglio delle galere toscane, furono dichiarati discendenti degli antichi Conti Guidi di Dovadola, anche se la discendenza non è certa. Il capostipite del ramo di Dovadola fu Guido Selvatico, podestà a Firenze, a Siena e a Volterra (1282-83), dove si stabilì, costituendo la famiglia volterrana. Il figlio di Guido, Giusto, ottenne la cittadinanza fiorentina, e il nipote Giovanni l'ebbe riconfermata nel 1390. Più tardi ottennero la cittadinanza fiorentina ser Bartolomeo di Guidozzo Guidi da Volterra (1546), Francesco di Giovanni Guidi da Volterra (1555), e Giovan Francesco di Niccolo Guidi, segretario di Cosimo II (1617). Lo stemma del 1° tipo si trova nelle Filze di armi gentlizie, il 2°, forse il più antico, è riportato dal Sepoltuario Rosselli nel monastero di Monticelli; il 3° tipo è invece riportato solo dal Borghini. Altro ramo. Le origini della famiglia Guidi di Bagno rimandano a mitici antenati, a memorie di tempi lontani e leggendari, che affondano le radici nel X secolo; ma per risalire al capostipite della linea mantovana della nobile famiglia occorre ritornare all'anno 1404, quando Ricciardo dei Conti Guidi di Bagno fu bandito dal territorio fiorentino, e uno dei suoi figli, Guido, conosciuto anche come Guidone, si stabilì nella città di Mantova. Nel 1431, Guido, di Ricciardo di Bagno, morì ma riuscì, negli anni vissuti nella città di Mantova, a intessere relazioni importanti con la famiglia Gonzaga, tanto da riuscire a porre le premesse per il matrimonio tra suo figlio Guido e Filippa, nipote di Feltrino Gonzaga. Arme. Leone rampante inquartato in croce di Sant'Andrea di rosso e di argento su inquartato in croce di Sant'Andrea di argento e di rosso. Alias. Inquartato in croce di Sant'Andrea di oro e di azzurro. Altro ramo. Nobile famiglia fiorentina, con residenza in Santo Spirito, al Gonfalone Drago, la quale levò per arme. D'azzurro, al cervo d'oro coricato sul terreno al naturale, al piede di un albero di verde, nodrito sul terreno stesso. Alias. D'argento, seminato di gigli d'oro, al cervo dello stesso, coricato al piede di un albero sradicato di verde. Altro ramo. Nobile famiglia fiorentina, anche detta Guidi da Pratovecchio, in onore al luogo di origine famigliare, la quale levò per

Compra un documento araldico su Guidi

Stemma della famiglia: Guidi

Stemma  della famiglia Guidi

1 Blasone della famiglia Guidi

D'azzurro al leone inquartato in decusse d'argento e di rosso.

Citato in "Armorial Général par J.B.Rietstap - Deuxième èdition refondue et augmentée - Tome I A-K" p. XXX

Stemma  della famiglia Guidi

2 Blasone della famiglia Guidi

Inquartato in croce di S. Andrea d'oro e d'azzurro.

Guidi e Guidi di Bagno di Emilia, Lazio e Lombardia. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol. III .

Stemma  della famiglia Guidi

3 Blasone della famiglia Guidi

Inquartato decussato d'argento e di rosso.

Guidi di Pisa, lo stemma si trova nelle Filze di armi gentilizie. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2579.

Stemma  della famiglia Guidi

4 Blasone della famiglia Guidi

Inquartato decussato d'argento e di rosso, al leone attraversante dell'uno all'altro.

Guidi di Pisa, lo stemma, forse il più antico, è riportato dal Sepoltuario Rosselli nel monastero di Monticelli. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2579.

Stemma  della famiglia Guidi

5 Blasone della famiglia Guidi

D'azzurro, al leone inquartato decussato d'argento e di rosso.

Guidi di Pisa, Lo stemma è dei Conti di Battifolle; con decreto del 1719, su istanza di Francesco Guidi, arcivescovo di Pisa, e di Camillo Guidi, ammiraglio delle galere toscane, furono dichiarati discendenti degli antichi Conti Guidi di Dovadola, anche se la discendenza non è certa. Il capostipite del ramo di Dovadola fu Guido Selvatico, podestà a Firenze, a Siena e a Volterra (1282-83), dove si stabilì, costituendo la famiglia volterrana. Il figlio di Guido, Giusto, ottenne la cittadinanza fiorentina, e il nipote Giovanni l'ebbe riconfermata nel 1390. più tardi ottennero la cittadinanza fiorentina ser Bartolomeo di Guidozzo Guidi da Volterra (1546), Francesco di Giovanni Guidi da Volterra (1555), e Giovan Francesco di Niccolo Guidi, segretario di Cosimo II (1617). Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2579.

Stemma  della famiglia Guidi

6 Blasone della famiglia Guidi

Partito d'argento e di rosso, a due leoni affrontati dell'uno nell'altro.

Guidi di Pisa, lo stemma è riportato solo dal Borghini. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2579.

Stemma  della famiglia Guidi

7 Blasone della famiglia Guidi

D'azzurro, al cervo d'oro coricato sul terreno al naturale, al piede di un albero di verde, nodrito sul terreno stesso.

Guidi di Firenze, San Giovanni, Drago, lo stemma è riportato dal Manoscritto 476. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2580.

Stemma  della famiglia Guidi

8 Blasone della famiglia Guidi

D'argento, seminato di gigli d'oro, al cervo dello stesso, coricato al piede di un albero sradicato di verde.

Guidi di Firenze, San Giovanni, Drago, lo stemma è riportato dal Priorista Mariani. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2580.

Stemma  della famiglia Guidi da Pratovecchio

9 Blasone della famiglia Guidi da Pratovecchio

D'azzurro, al grifone d'argento, tenente un giglio d'oro.

Guidi di Firenze, San Giovanni, Drago. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2581.

Stemma  della famiglia Guidi da Correggiai

10 Blasone della famiglia Guidi da Correggiai

D'argento, al leone di rosso, e alla banda diminuita attraversante d'azzurro, caricata di tre rose d'oro.

Guidi di Firenze, Santa Croce, Bue. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2582.

Stemma  della famiglia Guidi

11 Blasone della famiglia Guidi

Partito: nel 1° d'azzurro, a tre fasce ondate d'argento; nel 2° di rosso pieno.

Guidi di Firenze. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2585.

Stemma  della famiglia Guidi

12 Blasone della famiglia Guidi

Partito d'oro e di rosso, al capo attraversante d'azzurro caricato di un crescente rovesciato d'argento.

Guidi di Pistoia. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 7397.

Stemma  della famiglia Guidi

13 Blasone della famiglia Guidi

D'oro, alla croce di sant'Andrea d'azzurro.

Guidi di Siena. Si trova anche il cognome «Magini». Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 6976.

Stemma  della famiglia Guidi

14 Blasone della famiglia Guidi

D'oro, alla fascia d'azzurro caricata di tre stelle a sei punte del campo.

Guidi di Siena. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 6977.

Stemma  della famiglia Guidi

15 Blasone della famiglia Guidi

D' azzurro, ad un tronco d' albero al naturale movente da una pianura erbosa.

Guidi di Cesena. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag.515, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Guidi

16 Blasone della famiglia Guidi

D'azzurro, al mare al naturale nella punta, dal quale sorge il sole raggiante d'oro, sormontato da una stella di otto raggi dello stesso.

Guidi di Pesaro. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag.515, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Guidi di Casavecchia

17 Blasone della famiglia Guidi di Casavecchia

D'oro, al toro di rosso, ascendente un monte di sei cime di verde.

Guidi di Firenze, San Giovanni, Vaio. Si indicano anche come «Guidi d'Anterigoli» e «Guidi del Mugello». Il cognome Casavecchia è relativo all'eredità di quella famiglia: nel 1683 Maria Maddalena e Piera da Casavecchia lasciarono eredi i Guidi, con l'obbligo di unire i cognomi e di inquartare lo stemma (cfr. fasc. 1274). Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 62584.

Stemma  della famiglia Guidi Cerreti

18 Blasone della famiglia Guidi Cerreti

Di..., al leone di..., tenente con le branche anteriori un ramoscello di....

Guidi di Firenze. Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 2583.

Stemma  della famiglia Segni Guidi

19 Blasone della famiglia Segni Guidi

D'argento, al ramo di palma di verde, posto in palo in mezzo a due stelle a otto (o sei) punte d'azzurro.

Guidi di Firenze, Santa Croce, Lion nero. Il doppio cognome è dovuto al capostipite Segna di Guido (sec.XIV). Citato in "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 4322.

Stemma  della famiglia Guidi

20 Blasone della famiglia Guidi

D'azzurro, a un lavoriero da pesca (ordigno di canne e rete) nell'acqua al naturale, con un sole raggiante nascente d'oro.

Guidi dell'Emilia. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" suppl. II p.195.

Stemma  della famiglia Guidi

21 Blasone della famiglia Guidi

D'azzurro, alla fascia di rosso accompagnata in capo da una stella (6) d'argento, e in punta da un giglio d'oro.

Guidi di Marche e Lazio. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol. III p.641.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2015 - 2016 Heraldrys Institute of Rome