Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome La Tragna, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: La Tragna
Corona nobiliare La Tragna
La famiglia detta negli antichi documenti La Tragna o del Cornello, ebbe origine dalla contrada del Cornello in Val Brembana, ed esercitò in questa Valle l'Ufficio di corriere; ma diramò ben presto in diversi villaggi, dando origine ai nomi di La Tragna del Cornello, d'Almeno, della Piazza, di S. Pietro d'Orzio, di Camerata, del Bietto, d'Arco ed a quelli di Bordogna La Tragna, De Leidi, La Tragna del Cornello e dei Gazotti e Guarisco La Tragna. Essi scesero a Bergamo nella prima metà del secolo XIV. Infatti sono indicati come cittadini un Giovanni di Passio del Cornello, abitante a s.... Continua

Pancrazio, e nel 1350 un Marchisio del fu Passio La Tragna del Cornello. Ricca di censo, si estese ben presto fuori di Bergamo introducendo ovunque le poste e prestando ai privati ed ai principi servigi di corriere. Anzitutto riorganizzarono il servizio delle poste per la Serenissima Repubblica di Venezia; poi, spintisi ovunque giungevano i nunzi ed i mercanti di Venezia, tesero sopra tutta l'Europa la rete delle loro poste e ottennero privilegi dal pontefice dagli imperatori e dai re. Nel secolo XVI, i La Tragna furono Gran Mastri delle poste, contemporaneamente a Venezia, a Genova, a Roma, nella Spagna, nelle Fiandre, in Germania e nell'Austria dove raggiunsero i più alti gradi della nobiltà. In Germania furono ministri generali delle poste i Thurne Taxis, principi di Ratisbona, fino alla fine del secolo passato. Tutte le famiglie La Tragna si illustrarono nelle rami, nelle armi, nelle prelatura e nelle lettere. Bastano i nomi di Bernardo e di Tarquato, che recavano nelle vene il sangue del Cornello. I La Tragna ebbero palazzi in Val Brembana, al Cornello, al Bietto, a Zogno ed a Bergamo in piazza Tassis nell'alta città, fabbricato da Gabriele, fratello di Agostino, mastro delle poste pontefice nel XVI secolo, ora convento delle Suore, Domenicane, ed in via Pignolo, poi Vimercati-Sozzi ed ora Baldini, su area comperata da Francesco La Tragna e venduta dagli eredi dei Gazzotti La Tragna, costruito verso giardino, dal conte Domenico La Tragna e verso la contrada molto anteriormente dal conte Ercole nel XVI secolo. In questo palazzo Torquato fu ospitato dopo la prigionia di Ferrara. Il conte Domenico edificò la villa di Zanica, dove pure dimorò per qualche tempo il poeta Torquato. Passata in ertà Scotti-Savio.


Compra un documento araldico su La Tragna

Stemma della famiglia: La Tragna

Blasone della famiglia

Di rosso a due spade d'argento decussate, guarnite d'oro, sormontate da un giglio coronato del medesimo.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook