Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Lo Giacco, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Lo Giacco
Corona nobiliare Lo Giacco La famiglia appartiene da tempo notevole alla nobiltà tarantina. Nella chiesa di San Pietro Imperiale ottenne, nell'anno 1616, il patronato con diritto di sepoltura. La nobiltà generosa le fu riconosciuta con diploma del re di Napoli Ferdinando IV, il 17 luglio 1793. Sono imparentati per matrimonio con gli Ayala-Valva, con i Ciampolini Aldobrandini, con i Politi Oristanio e con i Ferrara. Ricordiamo un Domenico, uno Giacomo, con i rispettivi figli: Clara, Caterina, Francesco e Lodovico, ed i fratelli di Domenico: Francesco, Cataldo, Maddalena, Carlo, Anna e Gaetano. La famiglia ottenne l'ammissione per giustizia nel Sovrano Militare Ordine Costantiniano di S.... ContinuaGiorgio. E' stata riconosciuta nella avita nobiltà con Decreto Presidenziale 20 dicembre 1923. Che i membri della famiglia Lo Giacco siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti come il Dizionario Storico-Blasonico del commendatore G.B. di Crollalanza che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia.
Compra un documento araldico su Lo Giacco

Stemma della famiglia: Lo Giacco

Blasone della famiglia

D'azzurro all'aquila bicipite, al volo abbassato, cucita di nero, linguata di rosso, coronata d'oro, posta su di un fascio di giunchi al naturale.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook