Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Maudi, provenienza: Italia

Titolo: Baroni - Conti
Araldica della famiglia: Maudi
Corona nobiliare Maudi
Oriundi alessandrini, poi in Vigone e Torino. Nobili di nobiltà generosa, con memorie sicure risalenti agli ultimi secoli del Medio Evo, diramarono largamente, dando luogo a più linee cioé alla linea comitale che si inizia con Bernardino, investito di Selve il 15 agosto 1722, e alla linea signorile detta di Vesme, nella quale furono illustri per merito di studi, in tempi recenti, il senatore Carlo col figlio Alessandro direttore della R. Pinacoteca di Torino, e il cavaliere Benedetto, sagace ricercatore di genealogie dell'alto Medio Evo. Federico, di Filippo, di Giovanni. Figli: Matilde, Marcello, Enzo. Motto della famiglia: Fidelis custos Altro... Continua
ramo. Antica famiglia del Piemento con residenza nella città di Vigone. Sono però originari di Alessandria, e quivi famiglia decurionale fino dal 1270. Il feudo di Vesme lo ebbero nel 1766 e di Belriparo con titolo baronale. Giacomo cavaliere del Tempio nel 1245. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Motto della famiglia: Fidelis custos.
Compra un documento araldico su Maudi

Stemma della famiglia: Maudi

Blasone della famiglia

D'azzurro, al compasso d'oro aperto; col capo di rosso, cucito, carico di tre conchiglie d'oro, ordinate in fascia.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome