Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Mistrale, provenienza: Italia

Titolo: Baroni
Araldica della famiglia: Mistrale
Corona nobiliare Mistrale
Famiglia Parmigiana. Si nobilitò per opera di Stefano e Vincenzo figli di Francesco, il quale era povero ed onesto operaio. Stefano (1768-1832) fu chiarissimo dottore in medicina e chirurgia, chirurgo consulente di Maria Luigia d'Austria, chirurgo ordinario nell'ospedale civile di Parma, ove si distinse per attività e perizia singolare per oltre un ventennio, professore di chimica chirurgica nella patria università, consigliere nella sezione chirurgica del Protomedicato. Vincenzo (1780-1846) fu buon cultore delle muse e percorse i più alti gradi nell'amministrazione del governo ducale, avendo prima servito il governo francese. Nel 1806, fu segretario generale del Comune di Parma, direttore del... Continua

Deposito di Mendicità del dipartimento del Mediterraneo. Raccomandato ad Elisa granduchessa di Toscana fu nominato prefetto di Ginevra, dalla medesima principessa fu mandato ad Aiaccio per affari particolari. Fu quindi direttore del Deposito di Mendicità del dipartimento dell'Arno, vice-prefetto di Grosseto fino al 1813. Caduto l'impero fu a Parigi, dove da Francesco I venne consultato sul più conveniente sistema di amministrazione dello Stato Parmense, consigliando a mantenervi la legislazione francese. Egli venne dall'imperatore nominato governatore del ducato e fece parte della celebre commissione per la revisione del Codice Parmense. Fu governatore dal 1816 al 1821. Fu pure direttore dell'Amministrazione del Consiglio di Stato, e Presidente delle Finanze e in tale qualità arrecò molti benefici allo Stato disinteressatamente, benchè uno storico recente e miope abbia scritto il contrario. Arricchì il Museo d'antichità di pezzi rari, la galleria di dipinti di celebri maestri, ordinò gli studi pubblici. Con decreto del 29 marzo 1816 fu creato barone (mpr.), poi senatore, Gran Croce dell'Ord. Costantiniano, consigliere intimo, decorato della medaglia d'oro pei benemeriti della salute pubblica nel colera del 1836. Fu inoltre membro della Società Tiberina di Roma, dell'Accademia di Belle Arti di Modena, dell'Istituto dell'Africa di Parigi. Il figlio Giangiacomo fu segretario al Cons. di Stato. La famiglia è iscritta nell'El. Uff. Ital. col titolo di Barone (1816) (mpr.), in persona di Dario, di Franco, di Giangiacomo, ed è rappresentata da Gianvincenzo, di Attilio Regolo,


Compra un documento araldico su Mistrale

Stemma della famiglia: Mistrale

Blasone della famiglia

D'azzurro ad una gru colla sua vigilanza al naturale.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook