Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Morabia, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Patrizi - Baroni
Araldica della famiglia: Morabia
Corona nobiliare Morabia Tra le più insigni, antiche e Latine famiglie di Bova si rinviene la famiglia Morabia, la quale, oltre l'antico splendore, seppe rendersi famosa, grazie agli elevati personaggi, singolari in dottrina e dignità, a cui diede i natali. L'origine di tal cognominizzazione, al dir di illustri genealogisti, andrebbe ricercata nel vocabolo arabo "murabit" (= colui che predica l'Islam nella via), con il significato di "santone". Giuseppe Pensabene, però, nelle sue note filologiche sugli antichi riferimenti religiosi nel territorio reggino, evidenzia che la provincia di Reggio Calabria fu sempre terra cristiana. "Morabito", pertanto, sarebbe un titolo onorifico, dato ai più valorosi, il... Continua

cui significato sarebbe stato "abito, animo da bastione". Le teorie di don Pensabene, tuttavia, secondo altri genealogisti, sarebbero assai discutibili: Reggio fu sotto i Mori nel 951 e dal 1001 al 1021; pertanto è possibile che il cognome Morabito, sicuramente arabo, si sia formato nel periodo di permanenza musulmana a Reggio. In ogni modo, uno dei rampolli della famiglia fu Mons. Stefano Morabito, creato Vescovo di Bova, benché nato altrove, in data 27 novembre 1752. La famiglia, in persona di D. Giuseppantonio Morabito, nobile di Laureana di Borrello, contrasse parentela con la nobilissima stirpe dei Cucco Marino, in seguir al matrimonio del predetto, in data 11 luglio 1887, con Maria Teresa Ippolita Cucco Marino. Al dir del Galluppi, nel XVII secolo, un ramo di tal casato era passato in Sicilia, godendo nobiltà, nella città di Messina. Un Placido-Maria fu giudice straticoziale di Messina, nell'anno 1787; un Giuseppe-Maria, da Adernò, con privilegio del 6 dicembre 1765, ottenne il titolo di barone di Scalabianca. La presenza dell'arme e del motto, inoltre, nella bibliografia documentata della famiglia Morabia, ci conferma l'avita nobiltà raggiunta dalla stessa. Motto della famiglia. Ex alto cucta procedunt. La famiglia levò per arme. Partito; nel primo d'azzurro, alla testa di Moro al naturale; nel secondo d'azzurro, all'angelo suonante una tromba d'oro; col capo dello scudo dello stesso, caricato da un destrocherio d'azzurro, impugnante una palla d'argento. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Morabia

Stemma della famiglia: Morabia

Blasone della famiglia

Partito; nel primo d'azzurro, alla testa di Moro al naturale; nel secondo d'azzurro, all'angelo suonante una tromba d'oro; col capo dello scudo dello stesso, caricato da un destrocherio d'azzurro, impugnante una palla d'argento. Motto:Ex alto cucta procedunt.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome