Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Naraldi, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili - Conti - Signori - Marchesi - Cavalieri
Heráldica da família: Naraldi
Coroa de nobreza Naraldi Antica e nobile famiglia, originaria di Parma, la quale arrivò in Cremona, sul finire del XVII secolo, unendosi in parentela con le più distinte famiglie. Molti, inoltre, gli insigni uomini che, con onore, resero lustro a tal famiglia. Un Gabriele Arciprete nel 1497; Francesco creato, nel 1515, Conte Palatino, con facoltativo privilegio di poter creare notari; Gian Bonino Capitano di legione sotto Carlo V; Marco dotto e zelantissimo Sacerdote, nonché provinciale di Bologna, nel 1519; Erminio, valente non sono nelle belle lettere ma anche nelle armi, vivente nel 1520; Zaccaria, che nel 1524 lasciò manoscritte le cose memorabili della sua... ContinuaPatria, e tanti altri moltissimi cospicui Soggetti, che vi furono di questa Nobile illustre progenie. Araldo A. canonico della Cattedrale e fratelli furono investiti nel 1691 al 12 settembre da Carlo II, Re di Spagna, della feudalità di Piadena e sue dipendenze nel cremonese, con titolo di Signoria. Antonio Maria, marito di Donna Clara de' Marchesi Trecchi, fu insignito del titolo di Marchese con tutti i suoi discendenti legittimi in inifinito dal Duca di Parma, e Piacenza Francesco Farnese con diploma 13 gennaio 1716. Da questa preclara copia discende il Marchese Pietro Francesco, che collocato in matrimonio con Donna Laura Pavesi, ci ha lasciato il Marchese Antonio Maria, Carlo decorato dell'Ordine della Gran Croce di S.Giuseppe, che, con l'onorifica dignità di Ajo e Ciambellano, trovasi alla Corte di Ferdinando Gran Duca di Toscana, Luigi e Giuseppe, che, dopo avere militato sotto l'infelice Luigi XVI, Re di Francia, e ripatriatosi nei torbidi tempi, che sconvolgevano quel Regno, divenne Cavaliere dell'Ordine Gerosolomitano. Motto della famiglia: Visus impune. Altro ramo. Una famiglia Araldi fioriva in Reggio Emilia nel XVI secolo, ed appartenne a lei un Jacopo, medico di bella fama, che scrisse un Trattato sulle febbri. Gli Araldi di Modena, che non sappiamo se provengano da quelli di Reggio, erano già in molta considerazione nel XVIII secolo. A tal celebre ramo, appartennero: Antonio (seniore), illustre matematico ed ingegnere militare sotto Napoleone I; Monsignor Gherardo, Vescovo di Carpi; Antonio (juniore), Generale del Genio nell'esercito italiano. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Compre um documento heráldico sobre família Naraldi

Escudo da família: Naraldi

Brasão da família

D'azzurro, alla cometa d'oro accompagnata da tre stelle dello stesso, due in capo ed una in punta
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome