Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Natea, provenienza: Italia

Titolo: Cavalieri - Nobili
Araldica della famiglia: Natea
Corona nobiliare Natea Con diploma in data 12 luglio 1681 Carlo II, re di Spagna, concedeva il titolo di cavaliere a favore del dottore Antonio, dei suoi figli e dei suoi discendenti per linea maschile, tenendo conto delle sue particolari benemerenze e dei suoi illustri natali. I membri di questa famiglia furono abilitati per intervenire alle Corti Generali celebrate in Sardegna, nel 1698, sotto la presidenza del vicerè conte di Montellano. Ai discendenti maschi di questa famiglia spetta il titolo di cavaliere: alle femmine il titolo di cavalieri, seguito dal casato. Con tale titolo Altro ramo. Di origine genovese, fu trapiantata in Sardegna... Continua
sul finire del XV secolo da un Francesco Nater per esercitarvi il commercio del tonno. Antonio, di lui figlio, avvocato prestantissimo, fu sindaco di Cagliari ed ascritto a quella nobiltà; Ignazio, figlio del precedente, fu anch'egli esimio giureconsulto e molto in grazia di Carlo III Re di Spagna che lo volle fra i consiglieri della Corona ed insignito dell'Ordine di S. Giacomo.

Compra un documento araldico su Natea

Stemma della famiglia: Natea

Blasone della famiglia

Di rosso alla torre d'oro, col capo d'argento, carico di un'aquila coronata di nero.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome