Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Nicolisi, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Nobili
Heráldica de la familia: Nicolisi
Corona de la nobleza Nicolisi
Famiglia oriunda di Varallo. Ad un Nicolis, di cui non è noto il nome, veniva concessa l'arma il 24 aprile 1542. Fu suo figlio Biagio, che dal matrimonio con Maria Monforte, ebbe per figli Giovanni e Girolamo. Fu Giovanni famosissimo personaggio che dalle modeste professioni di causidico collegiato e procuratore collegiato (1588) e procuratore collegiato presso il Senato di Torino, seppe assurgere alle più elevate cariche. Ebbe quella di consigliere e procuratore patrimoniale (1604), quindi quelle di mastro uditore camerale (1607), generale delle Finanze di Savoia e Presidente in quella Camera dei Conti (1625), sovrintendente generale di tutte le Finanze... Continuará
di qua e di là dai monti, consigliere di Stato e Presidente della Camera dei Conti e delle Finanze (1637). Fu nobilitato il 10 novembre 1595 con ampliazione d'arma (6 febbraio 1614) unitamente al fratello Girolamo, e fu infeudato di Vernante il 6 novembre 1612 e investito il 13 novembre 1613, e parimenti fu infeudato di Robilant il 5 agosto 1619 e investito con titolo signorile il 1 settembre 1620. Acquistò dai Maino nel 1623 Cereaglio di cui fu investito il 6 novembre 1635. da lui nacquero Lodovico e Carlo Francesco, stipite quest'ultimo della linea di Brandizzo. Lodovico (dec. Torino, 14 luglio 1700), che fu dottore di leggi, decurione di Torino e luogotenente e commissario generale dell'artiglieria (1679), consegnò l'arma il 25 giugno 1687 e ottenne, anche in considerazione dei servizi resi dal padre, l'erezione di Robilant in contea il 22 aprile 1666. Sposò Giovanna Teresa di Antonio Dentis ed ebbe numerosa prole. Lasciò discendenza il quartogenito Francesco Antonio (n. Toirno, 2 febbraio 1668; dec. ivi, 3 febbraio 1734), che fu intendente generale di Nizza (1692), uditore generale di guerra (1713), primo presidente della Camera (1720), poi del Senato (1723), quindi nominato Ministro di Stato (1730). Suo figlio Giuseppe (n. Torino, 8 dicembre 1694); dec. Venezia) rinunziò il 23 marzo 1746 al feudo in favore del figlio Filippo. Vermante illustre fu il secondogenito Giuseppe, l'ingegnere Spirito Benedetto (n. Torino, 4 giugno 1724; dec. ivi, 1 maggio 1801) che fu ispettore generale delle miniere (1752), tenente generale, e primo ingegnere del Re col superiore comando del Corpo Reale degli Ingegneri. Fu ill.
Comprar un documento heráldico de Nicolisi

Escudo de la familia: Nicolisi

Escudo de la familia Nicolisi

Blasòn de la familia

D'argento all'aquila di nero, bicipite, caricata in petto da uno scudetto bandato di rosso e d'argento, carico di un leone d'oro.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome