Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Pandonea, provenienza: Italia

Titolo: Duchi - Marchesi
Araldica della famiglia: Pandonea
Corona nobiliare Pandonea Derivata da Pandone nobile capuano, il quale vivea nel 1270, si divise in molti rami che si stabilirono in dette città e godè nobiltà in Capua, in Napoli al seggio di Nido e di Capuana, in Castellamare di Stabia, in Sarno, in Sanseverino ed in Sicilia, e vestì l'abito Gerosolimitano nel 1516. Il ramo di Sicilia, portatovi da Lucio Pandone consultore di Re Ferdinando il Cattolico, si estinse in Francesco ed Andrea che morirono celibi; il ramo di Venafro si estinse in Giulia maritata ad Antonio Origlia, e quello dei conti di Ugento si estinse in Vincenzo frate domenicano e... Continua

nel fratello Carlo che morì senza discendenza. Questa famiglia à posseduto 63 baronie, i contadi di Ugento e di Verafro e d il ducato di Boiano. Furono giustizieri un Adinolfo di Principato nel 1270; un Francesco degli Abruzzi nel 1300; un Giacinto di Terra d'Otranto nel 1348; un Carlo di Terra di Bari al tempo di Ferdinando I d'Aragone; ed un Camillo di Terra di Bari e Terra d'Otranto al tempo di Ferdinando II. Carlo Pandone, seguace di Carlo III di Durazzo, fu fatto prigioniero in una battaglia sotto Barletta; Francesco capitano al servizio di Renato D'Angiò contro Alfonso I d'Aragona, posto a guardia della terra di Venafro, si mise d'accordo col Re Alfonso o gli cedette Venafro a condizione che quella terra gli fosse concessa col titolo di Conte; Carlo ambasciatore al Re di Francia per Ferdinando I d'Aragona, e condottiero di 300 cavalli nella guerra d'Otranto; Enrico duca di Boiano, avendo abbracciato il partito dei Francesi, quando Lautric venne alla conquista del regno di Napoli, cadde prigioniero nelle mani del vicerè principe d'Orange, il quale lo fece decapitare e spogliare la casa di ogni sua ricchezza, per lo che la famiglia fu ridotto in miserissimo stato. Altro ramo. Lucio P. nobile Napolitano passò in Sicilia sotto il Reggimento del Rè Catolico Ferdinando con carico di Consultore, e Protettore del Tribunal del Real Patriminio nel 1508. per il che si casò nella Città di Polizzi con Livia Porcari donna nobilissima, e procreò Aurelio, Giulio, Antonio, ed Andrea Pandoni, che tutti vissero nobilmente, e con molte ricchezze. Aurelio hebbe per moglie Leonora Cali nobile Leocatesa, che gli generò Lucio, Gio: Francesco, ed Andrea, che tutti morirono senza lasciar prole. Nondimento quest


Compra un documento araldico su Pandonea

Stemma della famiglia: Pandonea

Blasone della famiglia

Di rosso al destrocherio di carnagione vestito di nero tenente una pianta di rosa fiorita di tre pezzi di rosso, fogliata di verde; movente da un monte di tre cime d'oro, uscente dalla punta. Capo d'azzurro a tre stelle d'oro di 8 punte, poste in fascia cucito di rosso e sostenuto da una trangla d'oro.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook