Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Panieri, país de origen: Italia

Nobleza: Patrizi
Heráldica de la familia: Panieri
Corona de la nobleza Panieri
Famiglia originaria del Castello di Bazzano, detta Maniero o Manieri, passata in Aquila alla sua fondazione, avvenuta al tempo dell'imperatore Federico II, e facente parte di quel Patriziato dall'inizio di esso. L'origine di tal cognominizzazione è riconducibile al nome medioevale germanico, di tradizione franca, "Mainerius", di cui abbiamo nota già in un Codice Diplomatico della Lombardia medievale, dove, in una sentenza scritta in Milano l'8 novembre 1174, si legge: "...Sententiam protulit Arnaldus iudex qui dicitur Mainerius consul Mediolani..". Il casato, si distinse per alti uffici e dignità. Tra i membri che maggiormente la illustrarono, ricordiamo: Dantino, di Pietro, proprietario di... Continuará

alcuni feudi in Firenze, vivente nel 1327; Carlo Maria, Senatore di Roma nel 1486; Alberto, dottore in l'una e l'altra legge, aquilano, vivente nel 1521; Antonio, dottore in Sacra Teologia, vivente in Roma, nel 1636. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano del 1933, col titolo di Patrizio di Aquila (maschi): Carlo, di Giovanni, di Carlo e di Maddalena Carosi Amorosi, dei Baroni di Pizzi di Laura, nato 20 novembre 1835, defunto. Fratello (non iscritto in Elenco 1933): Gerolamo, sposato 13 dicembre 1863 con Giovanna Betti, di Paolo.


Comprar un documento heráldico de Panieri

Escudo de la familia: Panieri

Blasòn de la familia

Troncato da una fascia in divisa d'argento carica di tre stelle di sei raggi di rosso: nel primo d'oro all'aquila di nero, nascente; nel secondo d'azzurro a tre pali d'argento.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome