Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Parensa, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili
Heráldica da família: Parensa
Coroa de nobreza Parensa Famiglia del consortato dei Ricciardi, che i genealogisti fanno discendere da Parente da Roma, podestà in Lucca nel 1223 e nel 1228. Fu presente in questa città al giuramento prestato a Giovani di Boemia nel 1331, ed ebbe nel governo della Repubblica, restaurata da Carlo IV nel 1369, numerosi anziani e gonfalonieri dal 1371 al 1797. I personaggi più noti sono: Mese, la cui eredità passò alo Spedale di San Luca nel secolo XIV, insieme con un suo libro di ricordi domestici in volgare; Urbano, ambasciatore della Repubblica lucchese alla Corte di Spagna nel secolo XV; Vincenzo, di Urbano, avvocato... Continua
concistoriale; Bartolomeo e Lorenzo, religiosi fra i Chierici Regolari della Madre di Dio nel secolo XVII, Ottavio, di Nicolao, della stessa Congregazione. Le loro antiche case in Lucca furono nelle contrade di Sant' Andrea in pelleria e di San Quirico all'olivo; i palazzi in via della Rotonda, sede oggi del Distretto militare, e in via San Giustiona, ora propietà Orsetti. Nel Libro d'oro della Nobiltà lucchese, formato nel 1826, sono iscritti col titolo di nobili patrizi di Lucca.

Compre um documento heráldico sobre família Parensa

Escudo da família: Parensa

Brasão da família

D'azzurro ad un crescente d'argento accompagnato da tre stelle d'oro, due in capo ed una in punta.
Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 312, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1890.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook