Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Pengo, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Pengo
Corona nobiliare Pengo
Antica e nobile famiglia, originaria di Nervi, detta Pengo o Penco, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia ove i suoi membri, accolti nelle importanti cariche delle città ove ebbero dimora, furono cospicui ed acquisirono titoli ed onori. Paolo e Rolando intervennero alla fedeltà giurata al Duca di Milano nel 1488; Bartolomeo fu ascritto alla nobiltà nel 1576. Nelle ricerche bibliografiche di questa famiglia, vari sono stati gli autori che ne hanno fatto menzione: G. A. Ascheri, nell'opera da lui intrapresa e eseguita "Notizie storiche intorno delle famiglie in Alberghi in Genova, stampato in Genova dal Faziola nel... Continua

1846", sia di origine italiana, passata in Genova, tra il XV e XVII secolo. I cognomi così antichi, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Pengo

Stemma della famiglia: Pengo

Blasone della famiglia

D'azzurro, alla guercia nudrita sulla pianura erbosa, il tutto al naturale; il tronco sostenuto da due leoni d'oro affrontati, con un'aquila di nero, nascente dalla sommità della quercia.
Penco (Venco o Pengo) della Liguria. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 309, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome