Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Ponessa, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Heráldica de la familia: Ponessa
Corona de la nobleza Ponessa
Di origine gotica, fu detta prima Lagonessa e La Gonessa. Ha goduto nobiltà in Napoli al seggio di Capuana, in Benevento ed in Capua, e fu molto potente in tempo della dominazione sveva. Ebbe la signoria di settantasei baronie, di tre contee, di due ducati, e del principato di Sepino. Sorgono monumenti dei L. in Napoli nella Chiesa di S. Pietro a Maiella, in Benevento nella Chiesa di S. Lorenzo e nella Chiesa di Montevergine. Il ramo dei duchi di Ceppaloni si estinse. Ad esso successe il fisco. Il ramo di Principi di Supino e Duchi di S. Martino si... Continuará
estinse nel 1816 in un maschio morto senza eredi ed in una donna maritata nella famiglia Rufo dei principi di Scilla, della qual famiglia un secondogenito aggiunse al proprio il cognome della Leonessa, assumendone i titoli, ed il suo ramo si è estinto ai tempi nostri nella famiglia Pignatelli Principi di Monteroduni. Le famiglie L. ed Evoli fecero arrendere la città di Capua a Corrado figlio dell'Imperatore Federico II, Svevo, il quale, morto il padre, venne nel 1251 in questo regno per conquistarlo. Guglielmo cavaliere e familiare di Re Carlo I d'Angiò, maresciallo del regno e vicerè in Potenza; Carlo, capitano generale dei Presidii e provveditore delle fortezze nel 1202; Domenico Arciv. di Rossano nel 1457; Fabio Arciv. di Conza, patriarca di Antiochia e Nunzio apostolico in Fiandra nel 1627.

Comprar un documento heráldico de Ponessa

Escudo de la familia: Ponessa

Blasòn de la familia

Cinque punti di rosso equipollenti a quattro d'argento: i punti rossi caricati ciascuno da un giglio d'oro.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome